#Synod2018, Schönborn: chi ha un lavoro guardi ai giovani precari e disoccupati

“I giovani si aspettano di esser ascoltati nelle loro situazioni di vita, nei loro problemi di lavoro precario, di disoccupazione”, e chiedono anche “segni di solidarietà” da adulti e anziani con un lavoro e una pensione sicuri. Così il cardinale Christoph Schönborn, arcivescovo di Vienna e allievo di Papa Benedetto XVI, da 23 anni alla guida della diocesi di Vienna, è intervenuto a margine dei lavori del Sinodo che attraverso il portale VaticanNews viene raccontato quotidianamente, anche con pillole video come questa, rilanciate sui social con l’hashtag ufficiale #Synod2018.

“Queste domande le dobbiamo veramente ascoltare”, ha detto Schönborn. “Nel nostro mondo si guarda innanzitutto al benessere della generazione anziana, tante persone con una pensione solida, mentre i giovani vivono spesso con lavori precari, senza contratti fissi. Questa situazione interroga tutti noi, anche me, che sono un anziano”.

“Il contratto tra le generazioni – ricorda l’arcivescovo di Vienna – è sempre stato un contratto di trasmissione. Adesso c’è il pericolo che quelli che hanno la posizione sicura, un lavoro sicuro, una pensione sicura, si chiudano”.

E conclude: “i giovani che vivono in lavori precari, mi immagino che non pochi di loro avranno anche reazioni di rabbia. Dunque segni di solidarietà sono molto urgenti per stare insieme”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Video correlati

‘Ciapa su el camel e turnet a ca’. Campagna Pubblicità Progresso sull’integrazione culturale

Il Fatto sbarca in Borsa. L’editrice debutta al mercato Aim Italia

Carlo Verdelli: i giornali hanno un futuro se puntano sulla forza del marchio – VIDEO