Vince Fazio, risalgono Le Iene, calano Canale 5 e Giletti. Motori e calcio in evidenza

Sport protagonista – in diretta e in differita – nella giornata di domenica 7 ottobre. La notizia buona per Sky sono i risultati degli ascolti conseguiti da Formula 1 e MotoGp in chiaro alla mattina presto su Sky e in versione ritardata dal pomeriggio su Tv8.

Ben 501mila appassionati (9,1%) di motori hanno visto Sebastian Vettel sbagliare ancora e Lewis Hamilton aggiudicarsi facilmente il Gp del Giappone a partire dalle 7.10 del mattino. Subito dopo, intorno alle 9.00, la sfida Tai della classe regina del Motomondiale vinta da Marc Marquez all’ultima curva su Andrea Dovizioso ha conseguito 410 mila spettatori con il 4,8%.

Al pomeriggio poi su Tv8 la Moto Gp in differita ha conquistato ben 1,364 milioni di spettatori e l’8,9%, mentre nel preserale Napoli-Sassuolo si è aggiudicata con l’esclusiva su Sky 846mila spettatori ed il 5,5%. Alla sera, infine, Spal-Inter in versione pay ha conseguito 1,337 milioni di spettatori ed il 5,6% di share, mentre la differita della Formula 1 su Tv8 si è fermata a 844mila spettatori ed il 3,7%.

 

La notizia cattiva, per Sky, invece, è che sembrano già decisi – a molte gare dalla fine – gli esiti dei campionati del mondo dei motori. E che in Serie A il vantaggio del Juve sulle altre squadra si fa sempre più ampio. Gli ascolti non beneficeranno di certo, di qui in avanti, di questo deficit di sorpresa e tensione.

Più o meno nelle attese sono stati i risultati della prima serata generalista. Ha vinto Rai1 con ‘Che tempo che fa’ sostanzialmente stabile a 3,674 milioni e il 15,52% con la prima parte (Carlo Cottarelli, Rowan Atkinson, Roberto Burioni, Samantha Cristoforetti nella prima metà del programma).

Al secondo posto si sono issate ‘Le Iene’ su Italia 1, risalite a 2,022 milioni e 12,1% e leader in seconda serata, per molti tratti davanti al tavolo di Fabio Fazio. Si è difesa discretamente Rai2 con i telefilm (‘Ncis’ 1,635 milioni e 6,76%).

Mentre è andata ancora giù la miniserie inglese su Canale 5 (‘Victoria2’ a soli 1,5 milioni di spettatori e il 7,31%). Allo stesso livello di Spal-Inter ha corso Rai3 con Veronica Pivetti e ‘Amore Criminale’ (1,327 milioni e 6,29%), mentre ha fatto la peggiore prestazione stagionale Massimo Giletti.

Su La7 ‘Non è L’Arena’ senza ospiti di clamorosa importanza e attualità (Mariastella Gelmini, Claudio Borghi, Lucia Borgonzoni, Francesco Boccia, Luca Telese, Michel Martone, Micaela Quintavalle, Antonio Di Pietro, Annalisa Chirico, Catena Fiorello, Raffaele Morelli, Maria Venturi, Giorgia Serughetti, le sorelle Napoli di Mezzojuso) è calato a 1,164 milioni e il 6,5% nell’arco però della sua sterminata durata. In coda, infine, è arrivato il film su Rete4 (‘Monuments Men’ 755 mila e 3,8%).

Sul Nove la prima puntata del nuovo programma di Max Giusti ‘C’è Posto per 30?’ – se si considera anche il simulcast su Real Time/+1, Food Network, DMAX/+1 – ha conquistato 556mila spettatori con il 2.3%.

Al pomeriggio Mara Venier (il dibattito su Asia Argento, e i ricordi delle sorelle Goggi tra i momenti chiave) ha battuto di nuovo Barbara D’Urso (il caso di Lory Del Santo per oltre un’ora come tema della trasmissione).

Su Rai1 ‘Domenica In’ ha conseguito il 15,2% dalle 14.00 alle 14.54 e il 15,6% nella seconda dalle 15.00 alle 17.28. La media di ‘Domenica Live’ è stata invece complessivamente del 15,25%.

Su Rai3 ospitando Francesco Boccia e Susanna Camusso, Lucia Annunziata ha fatto un buon risultato: ‘Mezz’Ora in Più’ ha conquistato 923mila spettatori con il 6,4%.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai: domani in Vigilanza il voto su Foa. Lega e M5S divisi, si va verso l’ok alla risoluzione contro il doppio incarico

Rai: domani in Vigilanza il voto su Foa. Lega e M5S divisi, si va verso l’ok alla risoluzione contro il doppio incarico

Inpgi: 147 milioni di euro di disavanzo, in cinque anni persi 3mila posti. Macelloni: male la gestione principale dei giornalisti

Inpgi: 147 milioni di euro di disavanzo, in cinque anni persi 3mila posti. Macelloni: male la gestione principale dei giornalisti

Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca

Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca