Apple, Google e Amazon sono i brand che valgono di più al mondo. Interbrand: Amazon, Netflix e Gucci i marchi con crescita maggiore

Sono Apple, Google e Amazon a dominare la classifica dei marchi che valgono di più a livello mondiale. A sancirlo è lo studio di Interbrand ‘Best Global Brands’– giunto alla sua diciannovesima edizione – che ogni anno stila l’elenco dei cento brand più influenti nel mondo. Quest’anno la ricerca si focalizza sul tema ‘Activating Brave’ e analizza il ruolo del marchio e della sua forza competitiva nel processo di trasformazione messo in atto nelle organizzazioni più impattanti a livello globale.

La classifica di Interbrand che riunisce i 100 marchi con più valore al mondo

A primeggiare, come nel 2017, è ancora Apple, con un valore superiore di 214 miliardi di dollari e una crescita del 16%, seguito a ruota da Google, che raggiunge i 155 miliardi di dollari grazie a un +10%, confermando stabili i primi due posti nella classifica rispetto all’anno scorso. Il notevole incremento a due cifre di Amazon, che ha segnato un +56% durante l’anno portando il brand a un valore di oltre 100 miliardi di dollari, fa posizionare il marchio al terzo posto della classifica totale, nonché al primo posto dei ‘Top Performer’, che raggruppa i 28 brand che hanno registrato un aumento considerevole nel 2018.

Seguono con il quarto e quinto posto Microsoft, che perde una posizione rispetto all’anno scorso e con un valore di 92 miliardi di dollari, e Coca Cola con oltre 66 miliardi. In successione poi Samsung (59 miliardi di dollari), Toyota (53 miliardi di dollari), Mercedes-Benz (oltre 48 miliardi), Facebook (45 miliardi di dollari) e McDonald’s che chiude la classifica con un valore pari a 43 miliardi di dollari.

Tra i cinque ‘Top Growing Brand’ figurano Amazon, la new entry dell’anno scorso Netflix, che segna una crescita del +45%, Gucci con +30%, Salesforce.com con il +23% – anch’esso entrato nell’elenco per la prima volta nel 2017 – e Louis Vuitton sempre con il +23%. Facebook, da cinque anni presente nell’elenco dei brand con la miglior crescita, quest’anno non compare a causa dei sei punti percentuali persi nel corso dell’anno.

Il settore che registra una maggior crescita è il lusso, grazie all’aumento dei brand di alta moda in classifica. Louis Vuitton è il marchio con la posizione più alta, attestandosi al 18esimo posto, e a ruota lo segue Chanel. In 39esima posizione c’è Gucci, in assoluto il miglior performer del mercato del lusso, e poi a seguire ancora Cartier al 67esimo posto, Tiffany all’83esima posizione, Dior al 91esimo e Burberry e Prada rispettivamente 94 e 95esimi.

Le new entry in assoluto della classifica di quest’anno sono Spotify e Subaru, mentre Chanel, Hennessy e Nintendo tornano nell’elenco dopo esserne usciti negli anni passati.

“A dieci anno dalla crisi finanziaria globale, i brand che stanno crescendo più rapidamente sono quelli che dimostrano notevole intuito nel comprendere i propri clienti e compiono mosse iconiche e coraggiose, offrendo prodotti e servizi inediti e accattivanti” ha dichiarato Charles Trevail, Global Chief Executive Officer di Interbrand.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Da Salvini a Di Maio, passando per Meloni, Zingaretti e Berlusconi. Come comunicano i politici sui social? L’analisi Reputation Science

Da Salvini a Di Maio, passando per Meloni, Zingaretti e Berlusconi. Come comunicano i politici sui social? L’analisi Reputation Science

Osservatorio Agcom: vendite quotidiani -8% a dicembre. In tv ascolti in calo per Rai e Mediaset, mentre cresce La7 (INFOGRAFICHE)

Osservatorio Agcom: vendite quotidiani -8% a dicembre. In tv ascolti in calo per Rai e Mediaset, mentre cresce La7 (INFOGRAFICHE)

Elezioni europee: dal Garante Privacy le regole per la propaganda

Elezioni europee: dal Garante Privacy le regole per la propaganda