Apple, Google e Amazon sono i brand che valgono di più al mondo. Interbrand: Amazon, Netflix e Gucci i marchi con crescita maggiore

Sono Apple, Google e Amazon a dominare la classifica dei marchi che valgono di più a livello mondiale. A sancirlo è lo studio di Interbrand ‘Best Global Brands’– giunto alla sua diciannovesima edizione – che ogni anno stila l’elenco dei cento brand più influenti nel mondo. Quest’anno la ricerca si focalizza sul tema ‘Activating Brave’ e analizza il ruolo del marchio e della sua forza competitiva nel processo di trasformazione messo in atto nelle organizzazioni più impattanti a livello globale.

La classifica di Interbrand che riunisce i 100 marchi con più valore al mondo

A primeggiare, come nel 2017, è ancora Apple, con un valore superiore di 214 miliardi di dollari e una crescita del 16%, seguito a ruota da Google, che raggiunge i 155 miliardi di dollari grazie a un +10%, confermando stabili i primi due posti nella classifica rispetto all’anno scorso. Il notevole incremento a due cifre di Amazon, che ha segnato un +56% durante l’anno portando il brand a un valore di oltre 100 miliardi di dollari, fa posizionare il marchio al terzo posto della classifica totale, nonché al primo posto dei ‘Top Performer’, che raggruppa i 28 brand che hanno registrato un aumento considerevole nel 2018.

Seguono con il quarto e quinto posto Microsoft, che perde una posizione rispetto all’anno scorso e con un valore di 92 miliardi di dollari, e Coca Cola con oltre 66 miliardi. In successione poi Samsung (59 miliardi di dollari), Toyota (53 miliardi di dollari), Mercedes-Benz (oltre 48 miliardi), Facebook (45 miliardi di dollari) e McDonald’s che chiude la classifica con un valore pari a 43 miliardi di dollari.

Tra i cinque ‘Top Growing Brand’ figurano Amazon, la new entry dell’anno scorso Netflix, che segna una crescita del +45%, Gucci con +30%, Salesforce.com con il +23% – anch’esso entrato nell’elenco per la prima volta nel 2017 – e Louis Vuitton sempre con il +23%. Facebook, da cinque anni presente nell’elenco dei brand con la miglior crescita, quest’anno non compare a causa dei sei punti percentuali persi nel corso dell’anno.

Il settore che registra una maggior crescita è il lusso, grazie all’aumento dei brand di alta moda in classifica. Louis Vuitton è il marchio con la posizione più alta, attestandosi al 18esimo posto, e a ruota lo segue Chanel. In 39esima posizione c’è Gucci, in assoluto il miglior performer del mercato del lusso, e poi a seguire ancora Cartier al 67esimo posto, Tiffany all’83esima posizione, Dior al 91esimo e Burberry e Prada rispettivamente 94 e 95esimi.

Le new entry in assoluto della classifica di quest’anno sono Spotify e Subaru, mentre Chanel, Hennessy e Nintendo tornano nell’elenco dopo esserne usciti negli anni passati.

“A dieci anno dalla crisi finanziaria globale, i brand che stanno crescendo più rapidamente sono quelli che dimostrano notevole intuito nel comprendere i propri clienti e compiono mosse iconiche e coraggiose, offrendo prodotti e servizi inediti e accattivanti” ha dichiarato Charles Trevail, Global Chief Executive Officer di Interbrand.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giovane, in crescita, ma con lo scoglio del gender gap. La comunicazione in Italia nello studio Una

Giovane, in crescita, ma con lo scoglio del gender gap. La comunicazione in Italia nello studio Una

Next-Gen Summit 2019: consumi, comportamenti e aspirazioni dei millennial in una ricerca di Bain&Company per il Gruppo 24 Ore

Next-Gen Summit 2019: consumi, comportamenti e aspirazioni dei millennial in una ricerca di Bain&Company per il Gruppo 24 Ore

Gli under 22 sono disinteressati alle news (che non vogliono pagare); per informarsi usano i social ma riconoscono il valore dei siti degli editori

Gli under 22 sono disinteressati alle news (che non vogliono pagare); per informarsi usano i social ma riconoscono il valore dei siti degli editori