Facebook Italia lancia ‘Binario F’: formazione sulle digital skills per 100mila persone entro il 2019

Facebook Italia lancia un programma di formazione con l’obiettivo di istruire 97mila persone entro il 2019. L’azienda ha inaugurato Binario F, che sarà lo spazio fisico dedicato proprio allo sviluppo delle competenze digitali di persone, imprese e associazioni italiane, che ha sede presso l’hub di LVenture Group e Luiss EnLabs alla stazione Termini di Roma.

Lo scopo del progetto è quello di formare quasi centomila persone entro il prossimo anno, attraverso una serie di corsi online e iniziative realizzate su tutto il territorio nazionale. Tutte le attività saranno gratuite e aperte a tutti coloro che hanno l’esigenza di sviluppare competenze digitali. Binario F fa parte del costante impegno di Facebook per lo sviluppo e la diffusione delle nozioni digitali, requisiti ad oggi fondamentali per la crescita sociale ed economica. La notizia era stata anticipata a gennaio dalla stessa azienda, quando il gruppo di Menlo Park aveva parlato dell’apertura di tre nuovi centri di formazione tra Spagna, Polonia e Italia per istruire fino a un milione di persone entro il 2020 in tutta Europa.

Alla cerimonia di inaugurazione di Binario F, avvenuta martedì 9 ottobre, sono intervenuti per Facebook Italia il country director Luca Colombo e la head of public policy Laura Bononcini, mentre in rappresentanza del mondo istituzionale erano presenti il sindaco di Roma Virginia Raggi, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio.

Foto da ufficio stampa

Luca Colombo, country director di Facebook Italia

“Facebook è da tempo impegnato, a livello internazionale e italiano, ad aiutare persone e imprese nello sviluppo delle competenze digitali, requisito imprescindibile per la crescita economica e il progresso sociale delle comunità in cui viviamo”, ha commentato Luca Colombo, country director di Facebook Italia. “Nel nostro Paese, nonostante il mercato digitale mostri segnali di crescita, c’è ancora molto da fare nell’ottica del miglioramento della formazione delle risorse. Il 70% delle piccole e medie imprese in Italia pensa infatti che, in fase di assunzione, le competenze digitali siano più importanti della scuola frequentata e si stima che, solo nel nostro Paese, siano 280.000 le posizioni specializzate che da qui a cinque anni rimarranno scoperte. Siamo convinti – conclude Colombo – che un progetto come Binario F, che con le sue attività di formazione, dirette e dei partner, offre un’opportunità aggiuntiva di apprendimento permanente, possa aiutare concretamente a risolvere questo problema”.

Binario F – che nel 2019 arriverà a coprire 900 metri quadrati di superficie – permetterà di organizzare le attività più diverse: oltre a contenere sale training, sarà presente un Live Studio attrezzato per fare dirette social, ma anche postazioni di lavoro e aree relax per il networking, due zone cucina e un piccolo chiostro per le attività all’aria aperta. “Binario F, in continuità con il valore cardine di Facebook, Be Open, sarà uno spazio aperto alla comunità in cui chiunque potrà accedere gratuitamente alla formazione e addirittura proporre dei propri programmi da svolgere nel centro. Un luogo di inclusione e innovazione in cui le comunità, le imprese, le istituzioni, gli accademici e i cittadini possano scambiarsi idee, collaborare, instaurare un dialogo e imparare gli uni dagli altri” ha aggiunto Laura Bononcini, head of public policy di Facebook Italia. “Grazie al progetto Binario F e alla collaborazione con i numerosi partner che ci aiuteranno nella formazione – ha concluso la Bononcini – vogliamo dimostrare in modo concreto il nostro impegno in Italia, per contribuire in modo attivo a colmare il gap di competenze che penalizza la crescita del nostro Paese”.

Per quanto riguarda la formazione vera e propria, Binario F si concentra su otto categorie a cui fornire lezioni e corsi per migliorare le proprie skills digitali: istituzioni, accademici e scuole, genitori e studenti, editori e produttori di contenuti, istituzioni culturali, no profit e associazioni, imprese e start-up. Le attività di formazione si divideranno in tre tipologie, di cui la prima comprenderà le iniziative organizzate direttamente da Facebook, coinvolgendo esperti provenienti dall’azienda madre e dalle altre compagnie di proprietà, come Whatsapp, Instagram e Oculus, la seconda riguarderà gli eventi in collaborazione con partner specializzati e la terza infine riunirà le iniziative organizzate direttamente dalla comunità. Chiunque infatti potrà proporsi per svolgere all’interno di Binario F corsi di formazione, servendosi degli strumenti messi a disposizione da Facebook: basterà iscriversi sul sito di Binario F.

Ad avere un ruolo chiave nella definizione delle attività promosse da Binario F sarà l’Advisory Board, un organo composto da 15 rappresentanti della società, dell’industria, del mondo accademico e istituzionale. Il suo compito sarà quello di allineare tutte le attività offerte nel centro alle priorità economiche e sociali del paese, nonché di misurare l’impatto reale delle iniziative di Binario F. Il presidente del board sarà Francesco Profumo.

Il programma di Binario F è già ampiamente stabilito, e prenderà il via da ottobre. Si comincia con ‘Facebook Community Boost Roma’, edizione italiana del progetto itinerante dell’azienda statunitense, pensato per supportare le piccole e medie imprese grazie allo sviluppo delle competenze digitali. L’evento comprenderà due giorni di workshop e incontri studiati per migliorare le skills dei partecipanti, e saranno moderate dagli speaker di Rtl 102.5 Federica Gentile, Pierluigi Diaco e Emanuele Carocci. Altre iniziative sono ‘Skuola Social Kamp’, un programma di alternanza scuola-lavoro in collaborazione con Skuola.net per fornire digital skills ad oltre cento studenti provenienti da cinque diverse scuole di Roma; una serie di corsi per istruire i partecipanti sulla protezione dei dati e sulla privacy, realizzato insieme all’Istituto Italiano per la Privacy e al Centro Nazionale Anti-Cyberbullismo; Vivere Digitale, in collaborazione con Freeformers, dedicato ai giovani tra i 18 e i 30 anni per indirizzarli nel mondo del mercato digitale; ‘Vagone Fmd. Da 01 a 100’ promosso da Fondazione Mondo Digitale per formare sull’uso inclusivo dlele nuove tecnologie, e ancora ‘Innovation Camp’, realizzato grazie a Elastic e volto a fornire competenze digitali per realizzare concretamente un’idea.

Il progetto di Binario F ha riscosso pareri positivi anche dalle istituzioni, tra cui quello del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha dichiarato: “L’investimento in Italia da parte di grandi gruppi internazionali è sempre un ottimo segnale per l’attrattività del nostro sistema. L’iniziativa è tanto più rilevante perché si concentra su un tema, quello della trasformazione digitale e della formazione sulle competenze tecnologiche, che rappresenta una priorità del governo e una sfida per la nostra economia”. Anche Virginia Raggi ha voluto commentare la nascita del progetto: “Roma è orgogliosa di ospitare Binario F, il primo competence center d’Italia, e di accogliere quindi la sfida del futuro. I social media sono sempre più determinanti non solo per la vita relazionale ma anche per quella professionale. Questo spazio rappresenterà un laboratorio di competenze in grado di offrire opportunità e strumenti a giovani e imprese ma anche a genitori, scuole, enti, associazioni, all’intera comunità”. Il sindaco di Roma ha poi aggiunto che Binario F sarà uno strumento di crescita per la città, nonché di sviluppo e diffusione di nuove modalità di comunicazione.

“La promozione delle nostre eccellenze passa anche attraverso l’innovazione digitale. Tale opportunità è stata colta, soprattutto, dalle imprese del settore agroalimentare con effetti dirompenti e introducendo grandi opportunità di sviluppo volte a conquistare nuovi mercati e a valorizzare sempre più il nostro Made in Italy. Il turismo, invece deve riuscire a cogliere l’opportunità della trasformazione digitale in maniera più decisa. Alcune iniziative, ad esempio quella del wi-fi nazionale sono già state avviate, ma è necessario renderle reali ed effettive, con maggiore consapevolezza anche dell’ambito della privacy, ed è fondamentale intraprendere un percorso più ampio, che includa anche la distribuzione” ha dichiarato Gian Marco Centinaio, Ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo.“Tra le linee d’azione del Mipaaft grande impegno sarà dedicato proprio allo sviluppo del digitale, all’estensione del wi-fi e alla questione dei big data in tempo reale per fare una programmazione seria e combattere illegalità e abusivismo. Il nostro Paese ha bisogno di investire sempre di più nel digitale e Binario F è un’iniziativa importante in grado di sviluppare le conoscenze di apprendimento legate a questo settore diffondendo, attraverso i suoi specifici progetti, nuovi servizi, nuovi modi di usarli e nuove soluzioni”

“La promozione delle nostre eccellenze passa anche attraverso l’innovazione digitale” ha detto il ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio. “Tale opportunità è stata colta dalle imprese del settore agroalimentare con effetti dirompenti, e introducendo grandi opportunità di sviluppo – ha aggiunto Centinaio – volte a conquistare nuovi mercati e a valorizzare sempre più il nostro Made in Italy. Il turismo invece deve riuscire a cogliere l’opportunità della trasformazione digitale in maniera più decisa. Alcune iniziative, ad esempio quella del wi-fi nazionale, sono già state avviate, ma è necessario renderle reali ed effettive”. Il ministro ha poi aggiunto che tra le linee d’azione del Mipaaft c’è proprio lo sviluppo digitale, l’estensione del wi-fi e la questione dei big data per fare una programmazione seria e combattere illegalità e abusivismo. “Il nostro Paese ha bisogno di investire sempre di più nel digitale – ha concluso Centinaio – e Binario F è un’iniziativa importante in grado di sviluppare le conoscenze di apprendimento legate a questo settore diffondendo, attraverso i suoi specifici progetti, nuovi servizi, nuovi modi di usarli e nuove soluzioni”.

Un progetto, quello di Binario F, che consolida l’impegno di Facebook Italia nella formazione di professionisti nel Belpaese, che dal 2014 ha contribuito a formare oltre 50mila persone grazie a diverse iniziative. Tra questi ‘Boost your Business’, eventi organizzati in collaborazione con Confcommercio che hanno coinvolto 8mila imprenditori in 14 tappe in giro per l’Italia, ‘#SheMeansBusiness’, programma di Facebook in collaborazione con Fondazione Mondo Digitale rivolto alle donne che vogliono fare impresa, ‘Fed’, il Forum sull’Economia Digitale ideato insieme a Confindustria Giovani arrivato alla terza edizione, o ancora ‘Blueprint’, programma di certificazione globale di Facebook che ha permesso di formare oltre 26mila persone in Italia dal 2015.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Publicis Groupe lancia in Italia la unit Publicis Spine dedicata ai dati sul consumatore. Alla guida Alessio Fattore

Verizon Ads SDK, nuovo strumento a disposizione degli editori per monetizzare i contenuti via app

Roberto Liscia confermato presidente Netcomm