Foa scrive ai dipendenti Rai: valorizzare risorse interne e innesto nuove figure professionali

“Il servizio pubblico ha il privilegio di servire il pubblico senza essere dipendente unicamente dagli introiti pubblicitari e di contribuire a un’informazione di qualità, alla tutela e alla promozione della cultura italiana e mostrarsi sensibile a necessità sociali”. Lo afferma il presidente della Rai, Marcello Foa, in una lettera ai dipendenti.

Il presidente della Rai, Marcello Foa (Foto ANSA/CLAUDIO PERI)

“L’obiettivo è di far crescere la Rai, di promuovere un’informazione corretta, oggettiva, di premiare la professionalità e la meritocrazia, di ampliare la sua missione culturale; intenzioni che condivido con un amministratore delegato serio, preparato e capace come Fabrizio Salini e con un consiglio di amministrazione qualificato e motivato”.

“Il ruolo di presidente – ha scritto ancora Foa – è ben diverso da quello di amministratore delegato. Contempla le deleghe all’internazionale, al controllo interno e assume valore nel contribuire, con tutto il consiglio, a stabilire le linee strategiche dell’Azienda”.

“A questo mandato – assicura il neopresidente – mi atterrò, facendo tutto quanto nelle mie facoltà per promuovere il merito e la professionalità di ciascun collaboratore, nonché l’indipendenza dei giornalisti; per valorizzare l’attività e la produzione di quella che è la prima Azienda culturale del Paese, per difendere un pluralismo autentico e vibrante, pilastro della nostra democrazia”.

“La nomina a presidente – dice Foa – è un riconoscimento straordinario, tanto più che è giunto inaspettato. L’ho accettato anche e soprattutto perché accompagnato da motivazioni non politiche ma esclusivamente professionali”.

“Siamo consapevoli – afferma ancora Foa – che la Rai deve affrontare e vincere la sfida tecnologica e di contenuti non più solo con le emittenti private italiane ma anche con i grandi colossi internazionali. Bisogna saper diversificare i linguaggi, i canali di distribuzione, adottare nuove logiche di diffusione e di fruizione. Non è semplice ma sono convinto che ce la faremo”.
“Abbiamo tanto da fare”, ha aggiunto in conclusione. “Dovremo muoverci tra tradizione e innovazione, tra l’innesto di nuove indispensabili figure professionali e la valorizzazione delle risorse interne, dei giornalisti, degli operatori, dei tecnici, dei funzionari, dei dipendenti che non desiderano altro che contribuire al successo dell’azienda con rinnovata fiducia”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editori al contrattacco: Governo agisce al contrario degli altri Paesi europei. Riffeser: sì a confronto, no a minacce e denigrazioni

Profondo restyling per A&F di Repubblica, in edicola dal 22 ottobre. Calabresi: fatwa di Di Maio ha portato abbonamenti

Nasce Milano Running Festival, primo festival italiano del podismo. Ad aprile con Generali Milano Marathon