Il ministro Bonisoli: la Rai faccia “un pochino” più di servizio pubblico

Ospite a Un giorno da pecora su Rai Radio1, il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli ha detto la sua sul servizio pubblico, esprimendo qualche perplessità sul canone e criticando alcuni aspetti della Rai attuale. “Il canone non mi piace molto, proprio come concetto”, ha spiegato il responsabile del Mibac.

“O fai veramente servizio pubblico, e allora va benissimo il canone ma non fai una tv commerciale. Oppure ti butti dall’altro lato e fai la tv commerciale”, ha aggiunto, accusando la Rai di fare “un pochino” tv commerciale.

Il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli /Foto ANSA / CIRO FUSCO)

A domanda diretta se fosse o meno favorevole all’abolizione del canone, Bonisoli ha ribattuto: “Se lo chiede a me no, io invece mi concentrerei sulla parte del servizio pubblico”. Secondo il ministro a questa Rai manca qualcosa perché possa esser definita servizio pubblico, “per esempio – ha rilevato – trasmettere tutte quelle proposte culturali di un certo tipo, rivolte ad una certa audience importante”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali