Al via gli incontri tra Mondadori, La Verità e il sindacato sulla cessione di Panorama

Inizieranno domani gli incontri tra Mondadori, La Verità srl e il sindacato dei giornalisti per la cessione di Panorama, dopo che l’editrice del quotidiano fondato da Maurizio Belpietro ha presentato il 25 settembre un’offerta di acquisto irrevocabile “finalizzata all’acquisizione del ramo d’azienda relativo al newsmagazine”. L’operazione prevede il passaggio dell’intera redazione, grafici compresi, oltre che della struttura di segreteria.

Maurizio Belpietro (foto Olycom)

Il 4 ottobre l’assemblea dei giornalisti Mondadori si è espressa contro la cessione e ha dato mandato al Cdr di aprire un immediato stato di agitazione affidandogli un pacchetto di 10 giorni di sciopero, da gestire e utilizzare con le modalità e i tempi ritenuti più opportuni, “insieme a ogni altra iniziativa, anche pubblica, in qualsiasi sede opportuna”.

Prima di iniziare una vera e propria trattativa il sindacato intende conoscere le cosiddette “clausole di sospensione”, in base alle quali il candidato all’acquisizione potrebbe ritirarsi dall’operazione.

L’editore della Verità punta a una riduzione dei costi. Tra le ipotesi il taglio delle retribuzioni (30-40%) e l’azzeramento delle qualifiche.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager