Ventura vince su Proietti. Floris supera Amadeus e stacca Berlinguer. Gruber fa l’8 e mezzo

Non c’era il calcio e per Simona Ventura – all’ultima puntata – è stato più facile vincere la serata e staccare Gigi Proietti. Prevalendo virtualmente anche nella sfida interna con ‘Grande Fratello Vip’ e Ilary Blasi.

Ieri su Canale 5 ‘Temptation Island Vip’ ha conquistato 4,033 milioni di spettatori e il 22,4% nella sua durata sterminata.

Dall’altro lato della barricata, su Rai1 anche ‘Una pallottola nel cuore3’ ha conquistato 4,033 milioni di spettatori (con il 17,3%). Se si considera però il periodo in cui le due trasmissioni sono andate in onda contemporaneamente, la vittoria del Biscione è stata chiara: la Ventura ha conquistato 4,434 milioni di spettatori e il 19% di share, mentre Proietti ne ha ottenuti 4,033 milioni con il 17,3%.

‘Temptation’ ha spaccato le tre ultime coppie in verifica amorosa: sono entrati in scena prima Sossio Aruta e Ursula Bennardo, poi Valeria Marini con Patrick Baldassarri e infine Andrea Zenga e Alessandra Sgolastra.

La curva disegnata dai meter dice che sia con le beghe dell’ex calciatore e tronista che con quelle della show girl, il pubblico è rimasto sopra la linea dei 4,5 milioni, e che con la terza storia – infine – Canale 5 è arrivata fino a quasi il 40% di share all’una di notte.

Molto staccato – in questa fascia – è stato così Bruno Vespa, che ha portato a casa un bilancio appena dignitoso (intorno al 10% di share) pur avendo come ospiti il ministro per gli Affari europei Paolo Savona e l’ex imperatrice della Persia, Farah Diba.

Ma torniamo alle dinamiche del prime time.

Nella gara per il terzo gradino del podio ha vinto Giovanni Floris. La terza puntata stagionale di ‘DiMartedì’ ha aperto con Barbara Lezzi, e poi ha proposto Piercamillo Davigo, Massimo D’Alema, Piercarlo Padoan ed Elsa Fornero, conquistando 1,674 milioni di spettatori e il 7,90% di share. Quasi appaiato ha corso il programma d’intrattenimento di Rai2.

Ha fatto molto meglio delle prime due puntate ed è risalito a medie più confacenti Amadeus. Con un cast più vivace, ‘Stasera Tutto è possibile’ ha riscosso 1,668 milioni di spettatori e il 7,7%. Più staccati sono arrivati il film di Italia 1 (‘Colombiana’ a 1,375milioni e 6,1%) e quello di Rete4 (‘Flight’ a 844mila e 4,1%), mentre al penultimo posto, in calo, si è posizionata Bianca Berlinguer.

‘#Cartabianca’ ha aperto Mauro Corona in Vajont e poi ha puntato su Samantha Cristoforetti, Mara Carfagna, Laura Castelli e Alain Friedman nella parte economica, il virologo Roberto Burioni. In chiusura ha dato spazio ad una clamorosa lite tra Vittorio Sgarbi e Mario Giordano sul caso del sindaco di Riace. Ma il bilancio è stato inferiore al solito: 1,146 milioni di spettatori e 5,32%.

In preserale e in access dinamiche confermate. Male Giordano e Luisella Costamagna (su Rete4 per ‘Fuori dal coro’  574mila e 3%), benino Barbara Palombelli, comunque surclassata da Lilli Gruber, quasi a prescindere da ospiti e scaletta.

‘Otto e mezzo’, con l’ubiquo Vittorio Sgarbi, Antonio Padellaro e Marianna Aprile ospiti, ha avuto 2,110 milioni di spettatori e l’8,4%.

‘Stasera Italia’, con Matteo Richetti, Maria Giovanna Maglie, Nicola Porro e Massimo Cacciari ospiti della giornalista romana ha totalizzato 1,271milioni di spettatori e il 5,27% fino alle 20.55 e poi 1,3 milioni e 5,11%.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali