A Milano il primo ristorante in cui si paga il conto in base al numero dei follower su Instagram

Dall’11 ottobre a Milano sarà possibile pagare al ristorante in base ai follower di Instagram. Nel nuovo locale ‘This is not a sushi bar’ infatti il conto verrà deciso in base a quanti seguaci abbiamo sul social fotografico più popolare. Il punto vendita, che apre in zona Porta Romana, è il sesto della catena di ristoranti lanciata nel 2007 da Matteo e Tommaso Pittarello, i due fratelli padovani proprietari dell’unconventional sushi bar.

Il meccanismo con cui i clienti pagheranno è molto semplice, e prevede uno o più piatti gratis a seconda del numero di follower sul profilo Instagram dei clienti. Come racconta La Stampa, bisogna ordinare il primo piatto e pubblicare un post su Instagram, taggando il ristorante. In base al numero delle persone da cui ciascun cliente è seguito, cambia il numero dei piatti offerti dal locale. Da 1000 a 5mila followers si avrà diritto ad un piatto gratuito, da 5mila a 10mila saranno due, da 10mila a 50mila quattro. Da 50mila followers si passa alla fascia di ‘grande influencer’, e fino a 100mila seguaci i piatti gratis saranno otto. Per chi invece ha un profilo con più di 100mila follower, la cena sarà completamente offerta dal ristorante.

L’obiettivo dei due imprenditori, come spiegano loro stessi, è “giocare con i clienti”, non puntando ad attirare solamente i grandi influencer, ma soprattutto quelli medi e piccoli. Se il sistema decollerà, il locale riuscirà ad ottenere un ritorno economico notevole in pubblicità e visibilità attraverso le sponsorizzazioni sui social network, e in particolare Instagram, che sono i canali che oggigiorno rendono meglio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto