La nuova Fox sceglie l’ex portavoce della Casa Bianca, Hope Hicks, per guidare la comunicazione

Che tra i media del gruppo Murdoch e Donald Trump ci fosse un rapporto piuttosto stretto non è una novità. A ulteriore dimostrazione, la decisione di Fox che ha scelto l’ex portavoce della Casa Bianca, Hope Hicks, per guidare la comunicazione.

Hicks, 29 anni, che ha lavorato alla Casa Bianca dalla metà di agosto del 2017 fino alla fine di febbraio  – quando si era dimessa dopo l’audizione alla Camera nell’ambito delle indagini sul Russiagate – ricoprirà il ruolo di executive vice president e chief communications officer nella nuova Fox, l’entità che nascerà dopo la conclusione del processo di fusione che coinvolge gli asset di intrattenimento dell’impero Murdoch e Disney.

Donald J. Trump con Hope Hicks (Foto Ansa- EPA/MICHAEL REYNOLDS)

Una scelta che sembra quasi uno scambio alla pari, se si considera che lo scorso giugno la Casa Bianca – per sostituire proprio Hicks – ha deciso di affidare le comunicazioni a Bill Shine, ex dirigente di Fox, dove ha lavorato per più di 20 anni, dimettendosi per le polemiche sulla gestione degli scandali sessuali che hanno coinvolto anche Roger Ailes, fondatore del canale.

Ma i rapporti tra Washington e Fox, ha evidenziato il sito Adage,  non si fermano qui. Tra gli altri nomi passati da una parte all’altra ci sono anche John Bolton, ex collaboratore di Fox News, che ora ricopre il ruolo di consigliere del presidente per la sicurezza nazionale; Heather Nauert, portavoce del Dipartimento di Stato, ex co-conduttrice del programma pomeridiano ‘The Big Story’La grande storia”; e infine Anthony Scaramucci, che ha guidato per un pugno di giorni le comunicazioni dell Casa Bianca, che è stato co-conduttore della trasmissione ‘Wall Street Week’ di Fox Business Network.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Enrico Singer è il nuovo direttore responsabile di Agenzia Nova

Chi sono, cosa fanno e cosa pensano gli italiani secondo il 52° rapporto Censis

Giovanni Moglia nominato chief regulatory affairs di Tim