Mentana, a novembre prime venti assunzioni per il suo giornale online. “Sistema bloccato da politica ed egoismo”

Oggi Mentana comincia i colloqui dei 230 candidati che hanno superato la prima selezione. Di questi venti saranno assunti con contratto di praticante, altri come corrispondenti o collaboratori.

Il messaggio di Mentana ieri su Instagram

E’ quanto ha comunicato ieri il direttore del Tg La7 su Instagram sullo stato di avanzamento dei lavori per il suo progetto digitale per cui ha farato l’editrice Giornale Online srl.

Nell’incipit dell’oggetto sociale dell’editrice si legge che “la società viene costituita, nell’ambito di un progetto di give back, al fine di esercitare, in via stabile e principale, l’attività d’impresa di interesse generale oltre specificata, senza scopo di lucro e con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, adottando modalità di gestione responsabili e trasparenti e favorendo il più ampio coinvolgimento dei suoi dipendenti”.

La società, costituita con risorse personali di Enrico Mentana, “che assumerà personalmente anche i rischi di eventuali perdite, è scritto in un comunicato stampa, “sarà priva di scopo di lucro in quanto tutti gli eventuali guadagni saranno reinvestiti nel progetto.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 INFLUENCER DI MARZO. La nascita di Vittoria e il Festival di Sanremo gli eventi del mese. Ferragni e Fedez nei primi due posti

TOP 15 INFLUENCER DI MARZO. La nascita di Vittoria e il Festival di Sanremo gli eventi del mese. Ferragni e Fedez nei primi due posti

Uefa sul caso Superlega: irritazione ma nessuna sanzione. Verso i 12 club ‘ribelli’ saranno valutate conseguenze

Uefa sul caso Superlega: irritazione ma nessuna sanzione. Verso i 12 club ‘ribelli’ saranno valutate conseguenze

Moles: comunicazione orientata mette a rischio futuro democrazie; su Copyright presto incontro con Mic e AgCom

Moles: comunicazione orientata mette a rischio futuro democrazie; su Copyright presto incontro con Mic e AgCom