Riappare online (con un curioso sottotitolo) l’archivio storico de L’Unità. Mistero sull’autore dell’operazione

L’Archvio storico dell’Unità, un grande patrimonio culturale di articoli e fotografie, è tornato visibile e consultabile sul web, di nuovo indicizzato nei motori di ricerca ed a disposizione di tutti. L’Archivio digitale è diventato inaccessibile dal gennaio 2017 perché non era stato pagato il provider Tiscali. Da allora è stato rintracciabile solo nel deep web. Ora è tornato visibile, ma con un curioso sottotitolo: l’Unità “che una volta era comunista”.

L’archivio è raggiungibile cliccando qui: https://archivio.unita.news/ 

Si possono vedere le pagine dal 1946 al 2014 (anno della penultima chiusura del quotidiano), quindi non le precedenti, né i microfilm delle edizioni dall’anno della fondazione, il 1924 o le edizioni degli ultimi anni fino al 2017. I filtri di ricerca sono basici e non vi è distinzione fra testi e foto, altra grande ricchezza dell’Archivio. Non è chiaro chi abbia compiuto l’operazione, al momento è ancora di proprietà del gruppo Pessina. La notizia è stata diffusa con un tam tam su facebook, accolta con gioia da tutte le persone che conoscevano e usavano l’Archivio, non solo giornalisti, ma soprattutto studiosi e universitari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il Garante firma un accordo con Creative Commons per semplificare le informative sulla privacy

Il Garante firma un accordo con Creative Commons per semplificare le informative sulla privacy

Copyright, l’Ue avvia una procedura d’infrazione verso l’Italia e altri 20 Paesi

Copyright, l’Ue avvia una procedura d’infrazione verso l’Italia e altri 20 Paesi

TOP VIDEO CREATOR e post più condivisi. A giugno Ettore Canu tiene la vetta, Me contro Te e Benedetta Rossi inseguono

TOP VIDEO CREATOR e post più condivisi. A giugno Ettore Canu tiene la vetta, Me contro Te e Benedetta Rossi inseguono