Il 90% dei giornalisti fa ricerche online per un articolo, TW e Linkedin i social più usati. Ricerca L45

Domani prendono il via i Mashable Social Media Day in occasione dei quali l’agenzia L45 (che proprio in questi giorni sta per entrare a far parte di uno dei più importanti network internazionali di Pr) presenta la prima edizione della ricerca ‘Il giornalismo nell’era digitale’ di cui possiamo dare un’anteprima in esclusiva.

Dalla ricerca emerge il quadro di un settore in forte cambiamento. Ecco gli highlights:
-I giornalisti che consultano abitualmente fonti online per la preparazione degli articoli sono ormai il 90%.
– Le prime fonti online sono i siti web aziendali (82%) e gli articoli di altre testate (75%). Emerge anche il ruolo di Wikipedia e delle enciclopedie online (14%).
– I principali social media utilizzati dai giornalisti come fonti di notizie risultano essere LinkedIn (40%) e Twitter (28%).
– Il social media più utilizzato dai giornalisti per interloquire con i responsabili aziendali è in larga misura LinkedIn (76%).

Simone Guzzardi

Simone Guzzardi

“Emerge la conferma di una professione profondamente cambiata dalla rivoluzione digitale avvenuta negli ultimi quindici anni. Giornalismo e reputazione online si alimentano a vicenda”, commenta Simone Guzzardi, partner e managing director di L45, “non solo è cambiato il lavoro dei giornalisti ma anche quello dei comunicatori, che siano aziendali o consulenti esterni, devono considerare la reputazione digitale come parte integrante delle media relations”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Al forum di Wpp Italia e TEH Ambrosetti tutto sui Millennials, la generazione che sta cambiando la società e la pubblicità

Malagò ancora contro il Governo: con quattro righe è stato ucciso il Coni

Il Wall Street Journal vara una task force contro fake news e video artefatti