Fraccaro: no a giornali, tv e radio regionali nelle mani di un unico editore. Al lavoro per vietare le concentrazioni

“Stiamo lavorando per ripristinare il divieto, che già c’era, di concentrazione in un unico editore di giornali, tv e radio regionali”. Lo ha detto il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro, a Bolzano per la campagna elettorale.

“Oggi abbiamo una concentrazione preoccupante in Trentino Alto Adige, per cui questa norma influirà soprattutto su questa regione, visto che oggi i principali quotidiani regionali sono in mano alla stessa persona”, ha concluso Fraccaro.

Riccardo Fraccaro (Foto ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Lo scorso luglio, ricordiamo, il quotidiano ‘L’Adige’ è stato ceduto dalla famiglia dei Conti Gelmi di Caporiacco al gruppo Athesia di Bolzano, società editrice anche dei quotidiani ‘Trentino’ e ‘Alto Adige’. 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs, Cairo: ragioniamo su lancio di un settimanale finanziario. L’arbitrato con Blackstone atto dovuto

Google: multa Ue da 1,4 miliardi per abuso di posizione dominante con AdSense. Vestager: impedita concorrenza su adv dei motori ricerca

Editoria, accordo Sole 24 Ore e il quotidiano cinese Economic Daily. In futuro possibili partnership per attività ed eventi su temi economici