Fraccaro: no a giornali, tv e radio regionali nelle mani di un unico editore. Al lavoro per vietare le concentrazioni

“Stiamo lavorando per ripristinare il divieto, che già c’era, di concentrazione in un unico editore di giornali, tv e radio regionali”. Lo ha detto il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro, a Bolzano per la campagna elettorale.

“Oggi abbiamo una concentrazione preoccupante in Trentino Alto Adige, per cui questa norma influirà soprattutto su questa regione, visto che oggi i principali quotidiani regionali sono in mano alla stessa persona”, ha concluso Fraccaro.

Riccardo Fraccaro (Foto ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Lo scorso luglio, ricordiamo, il quotidiano ‘L’Adige’ è stato ceduto dalla famiglia dei Conti Gelmi di Caporiacco al gruppo Athesia di Bolzano, società editrice anche dei quotidiani ‘Trentino’ e ‘Alto Adige’. 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai: domani in Vigilanza il voto su Foa. Lega e M5S divisi, si va verso l’ok alla risoluzione contro il doppio incarico

Rai: domani in Vigilanza il voto su Foa. Lega e M5S divisi, si va verso l’ok alla risoluzione contro il doppio incarico

Inpgi: 147 milioni di euro di disavanzo, in cinque anni persi 3mila posti. Macelloni: male la gestione principale dei giornalisti

Inpgi: 147 milioni di euro di disavanzo, in cinque anni persi 3mila posti. Macelloni: male la gestione principale dei giornalisti

Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca

Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca