I giornalisti di Mondadori France in piazza contro la cessione a Reword Media. Lorusso: vendita non provochi macelleria sociale

I giornalisti di Mondadori France sono scesi in piazza per difendere l’occupazione e protestare contro l’annunciata cessione di numerosi settimanali al gruppo a Reword Media, che, hanno già denunciato i cronisti, mette a rischio 700 posti di lavoro.

Un timore tutt’altro che infondato, segnala il sito della Fnsi, visto che nelle testate già acquisite da Reword ha licenziato numerosi giornalisti. Secondo i cronisti il modello organizzativo è inaccettabile, con il lavoro che viene appaltato a service esterni o a giornalisti freelance con retribuzioni da fame e senza il riconoscimento di alcun diritto.

Al sit in, che si è svolto a Parigi a Palais Royale, davanti al ministero della Cultura e al Consiglio di Stato, hanno partecipato i vertici dei sindacati francesi Snj e Snj-Cgt, il presidente della Federazione internazionale dei giornalisti, Philippe Leruth, e Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi, che ha espresso la “piena solidarietà dei giornalisti italiani ai colleghi di Mondadori France”.

 

“La vendita di un giornale non può provocare macelleria sociale. I diritti dei giornalisti e dei lavoratori non possono essere messi in discussione con operazioni poco lungimiranti”, ha affermato, ricordando che anche in Italia il gruppo Mondadori sta cercando di ridimensionare la propria presenza nel mercato dei settimanali e dei periodici. Il caso Panorama, che Mondadori vuole vendere al gruppo ‘La Verità’, è lontano da una soluzione accettabile, rileva Fnsi, vista anche la pretesa dell’acquirente di ridurre in modo considerevole le retribuzioni dei giornalisti. “La cessione di giornali di qualità a chi non riconosce i diritti dei lavoratori – ha attaccato Lorusso – contribuisce a impoverire l’informazione di qualità. Non è soltanto un problema dei giornalisti, ma è un problema di tutti perché meno informazione significa meno democrazia”.

Temi che il segretario generale della Fnsi  ha ripreso nel suo intervento di saluto al congresso del Snj. “L’attacco ai giornalisti – ha avvertito – non è l’attacco ad una categoria, ma è l’attacco al diritto dei cittadini ad essere informati e, quindi, alla democrazia rappresentativa. Serve un’azione e una mobilitazione di tutti i sindacati europei dei giornalisti contro chi, attraverso il taglio ai contributi all’editoria, o l’attacco alla segretezza delle fonti, vuole mettere in discussione la libertà di stampa, pilastro insostituibile di ogni democrazia”.

Lorusso ha ricordato anche le battaglie che i giornalisti francesi e quelli italiani stanno conducendo in Europa per difendere i colleghi turchi e l’impegno comune per l’approvazione della direttiva europea sul diritto d’autore. “Adesso – ha detto – dobbiamo far sì che le norme vengano definite in tempi brevi per far sì che le risorse per ‘risarcire’ l’informazione professionale vengano utilizzate dagli editori per salvaguardare salari e occupazione”.

Infine Lorusso ha auspicato che i sindacati europei dei giornalisti promuovano azioni comuni presso le istituzioni di Bruxelles a tutela delle libertà e dei diritti, immaginando momenti di mobilitazione collettiva, a partire, ha proposto, dal 3 maggio, Giornata Mondiale della Libertà di Stampa, che persarebbe opportuno celebrare tutti insieme a Malta in ricordo di Daphne Caruana Galizia e di tutti i cronisti morti ammazzati.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai: domani in Vigilanza il voto su Foa. Lega e M5S divisi, si va verso l’ok alla risoluzione contro il doppio incarico

Rai: domani in Vigilanza il voto su Foa. Lega e M5S divisi, si va verso l’ok alla risoluzione contro il doppio incarico

Inpgi: 147 milioni di euro di disavanzo, in cinque anni persi 3mila posti. Macelloni: male la gestione principale dei giornalisti

Inpgi: 147 milioni di euro di disavanzo, in cinque anni persi 3mila posti. Macelloni: male la gestione principale dei giornalisti

Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca

Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca