Allianz Italia, conclusa la prima edizione del Progetto Dualità Scuola-Lavoro

Concluso il progetto di alternanza scuola-lavoro di Allianz Italia. Nella prima edizione trenta giovani, tra studenti e studentesse delle scuole secondarie superiori, hanno completato il percorso di formazione duale in azienda, dopo aver conseguito la maturità.

I ragazzi della prima edizione del progetto Dualità di Allianz Italia

La cerimonia di consegna degli attestati si è svolta il 18 ottobre nell’Auditorium della Torre Allianz, alla presenza di Maurizio Devescovi, direttore generale di Allianz Italia, Letizia Barbi, direttore delle Risorse Umane, dei rappresentanti della Camera di Commercio Italo-Germanica, dei presidi degli Istituti scolastici coinvolti e dei responsabili degli uffici dove i giovani apprendisti hanno lavorato durante il percorso formativo. L’attestato consegnato a ciascun ragazzo conferisce il titolo di “Junior Specialist in Insurance and Financial Services” di Allianz Italia, comprensivo del Certificatato Dual Project, valido in tutta l’Unione Europea.

Nel dettaglio, il progetto prevede l’inserimento, ogni anno, di trenta ragazzi. Il 1 ottobre 2018 sono stati assunti per dare via alla terza edizione altri trenta giovani del quarto anno delle scuole superiori, aggiungendosi a quelli già presenti della seconda edizione, per un totale di sessanta ragazzi in azienda.

Il progetto di Allianz è stato riconosciuto nel 2017 dal ministero del lavoro e dal ministro dell’istruzione come ‘best practice’ della formazione duale, grazie alla sua flessibilità, replicabilità e innovazione, e grazie al coinvolgimento dei licei, oltre a quello degli istituti tecnico-economici. Allianz ha ottenuto per il suo progetto anche la certificazione dual project della Camera di Commercio italo-tedesca, grazie alla sua conformità ai criteri di qualità del modello duale tedesco.

I ragazzi in posa dopo aver ricevuto il diploma

“Nell’ottobre 2016 abbiamo avviato il progetto Dualità Scuola-Lavoro, investendo nella formazione duale e prendendo l’impegno di assumere ogni anno trenta giovani con un contratto di apprendistato part-time finalizato all’orientamento professionale”, ha dichiarato Maurizio Devescovi, direttore generale di Allianz Italia. “Oggi, a conclusione del percorso della prima edizione del progetto”, ha concluso Devescovi, “siamo molto orgogliosi perché i risultati confermano la validità del percorso intrapreso. Questi prima trenta giovani hanno maturato un’esperienza lavorativa altamente formativa in un contesto organizzativo innovativo e di respiro internazionale che si tradurrà in un vantaggio competitivo quando entreranno definitivamente nel mondo del lavoro”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Le nuove tecnologie per rendere l’inclusività. Fondazione Tim lancia il bando ‘L’arte che accoglie’

Le nuove tecnologie per rendere l’inclusività. Fondazione Tim lancia il bando ‘L’arte che accoglie’

Eni, parte la campagna Eni+1: la cura dell’ambiente una sfida per tutti

Eni, parte la campagna Eni+1: la cura dell’ambiente una sfida per tutti

Aon al Pride di Milano

Aon al Pride di Milano