Morandi di misura su Fazio. D’Urso supera Venier. Boom Sky con i motori e il derby

Sport protagonista della domenica da mattina a sera.

Inter-Milan, vinta dai nerazzurri con un gol di Mauro Icardi dopo il 90°, è arrivata a 2,2 milioni di spettatori e l’8,8% di share su Sky (se non si considera la pausa tra primo e secondo tempo).

E Il Gran Premio di Formula 1 dal Texas, vinto da Kimi Raikkonen davanti a Max Verstappen, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel in rimonta (dopo incidente), ha portato a casa 2,5 milioni di spettatori con il 10% di share se si considera la somma di spettatori di Sky e Tv8, tra le otto di sera e le 22.00.

Sono risultati che bastano a spiegare quanto fosse atipico il terreno di confronto della serata tv generalista del 21 ottobre. Nonostante l’affollamento di proposte alternative, in prima serata tornava un’epica sfida della scorsa stagione. Fabio Fazio affrontava Gianni Morandi e – considerato il contesto – non era prevedibile il risultato.

Ebbene ha vinto di misura Canale 5. La fiction ‘L’Isola di Pietro2’ ha ottenuto 3,327 milioni di spettatori e il 15,3%.

Su Rai1 ‘Che tempo che fa’, ha aperto sull’economia con il solito Carlo Cottarelli e poi ha dato spazio al sindaco di Riace, Mimmo Lucano, e quindi ad Antonella Clerici, Valeria Golino e Riccardo Scamarcio, Valerio Mastandrea in collegamento, Alessandro Baricco, Raf e Umberto Tozzi nella prima parte della trasmissione con Luciana Littizzetto a fare il solito monologo. Questa fase ha avuto 3,7 milioni di spettatori e 14,63% di share. Subito dopo ‘Che Tempo Che Fa Il Tavolo’ si è attestato a 2,121 milioni di spettatori e il 12,79% di share (con una media complessiva di 3,038 milioni e il 14,04%). Per capire chi ha vinto veramente bisogna quindi guardare il periodo in cui le due trasmissioni sono andate in onda contemporaneamente. Emerge che Rai1 ha avuto 3,440 milioni di spettatori ed il 13,7% di share, mentre Canale 5 ha raccolto 3,550 milioni di spettatori ed il 14,16%.

Con al terzo e quarto posto virtuale il derby su Sky e la F1 su Tv8 (1,9 milioni e 7,6%), hanno inevitabilmente sofferto tutte le altre reti. Su Italia1 ‘Le Iene Show’ ha conquistato 1,788 milioni di spettatori e il 10,1%, su Rai2 ‘Ncis’ ha ottenuto 1,475 milioni di spettatori e il 5,67%, su Rai3 ‘Amore Criminale’ ha chiuso la propria stagione a 1,057 milioni e il 4,5%.

Su La7 ‘Non è L’Arena’ si è difeso a quota 1,021 milioni e 5,3%. Malissimo ha fatto Rete4, con il film ‘Solo per vendetta’ a 617mila spettatori e il 2,8%. In seconda serata, quando è terminata la fiction con Morandi, è passato in testa Fazio fino alle 24.10, e solo in fase avanzata della nottata sono andate al comando ‘Le Iene’.

Al pomeriggio a disturbare i contenitori, oltre al calcio, è stata la replica della ‘MotoGp’ su Tv8 (1 milione e 6,8% per la gara che ha laureato campione Marc Marquez). In generale, stavolta Barbara D’Urso (con Yasmine Carrisi, Paris Hilton e Loredana Bertè nel menù) ha superato Mara Venier alla distanza.

‘Domenica In’ ha ottenuto il 16,7% ed il 15,9% (la Venier ha spiazzato tutti aprendo con la Elisabetta Gregoraci, in stile D’Urso ed è rimasta al comando per un po’).

Mentre ‘Domenica Live’ ha inanellato nelle varie fasi in crescendo il 12,65%, il 16,49%, il 19,11%, il 18,27%, il 17,86% e il 14,89%, battendo il contenitore di Rai1 per 16,3% a 16,1% nel periodo in sovrapposizione e superando nettamente anche Cristina Parodi (‘La prima volta’ al 12,24%).

Oltre che dal calcio, la prima rete è parsa un po’ soffrire le buone prestazioni della seconda (‘Quelli che’ al 6,5% e al 7,8%), ma soprattutto della terza rete. Lucia Annunziata ha aperto con Luigi Di Maio e poi è passata a Yanis Varoufakis (‘Mezzora in più’ al 7,9%) ed ha fatto bene anche Camila Raznovich (‘Kilimangiaro’ al 6,9% e al 9,1%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

GroupM presenta l’hub Digital e l’approccio consulenziale di un centro media moderno. Beduschi: dal digitale il 35% dei ricavi

GroupM presenta l’hub Digital e l’approccio consulenziale di un centro media moderno. Beduschi: dal digitale il 35% dei ricavi