Editoria, Conte: tagli ai fondi non punitivi. Misura in contratto, ma i dettagli sono da definire

“La misura preannunciata da Crimi” sullo stop ai finanziamenti pubblici per l’editoria “rientra nell’ambito delle iniziative programmate. Come tradurlo in pratica, è ancora da mettere a punto con una serie di dettagli”. Lo dice il premier Giuseppe Conte incontrando la stampa estera.

“Non è una iniziativa punitiva: deve essere assolutamente chiaro. Dovrà essere valutata con attenzione ad esempio alla situazione di chi rappresenta minoranze. Saremo sensibili a tutti i diritti costituzionalmente garantiti”, assicura.

Giuseppe Conte Foto ANSA/FILIPPO ATTILI/UFFICIO STAMPA CHIGI )

“Da parte di molti esponenti della stampa, non tutti ma molti, c’è stata la sensibilità di voler giocare ad armi pari. La posizione di organi di stampa delle minoranza linguistiche va valutata, ma saremo sensibili a tutti i diritti costituzionalmente riconosciuti”, aggiunge il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs: utile netto 2018 in crescita a 85,2 milioni; dal digitale il 16,7% dei ricavi. Dopo 10 anni torna al dividendo

Da Piero Angela a Bernard-Henri Lévy. Tutti i sostenitori della battaglia per la vita di Radio Radicale

Mediaset, Ps Berlusconi: dobbiamo cambiare passo, espandersi all’estero per crescere ancora