Staino lascia Avvenire: non pensavo che il mio Jesus potesse essere preso così male

Sergio Staino lascia Avvenire dopo le “troppe” lamentele per il suo Jesus. A renderlo noto è il vignettista in persona scrivendo al direttore Marco Tarquinio che ringrazia per “l’amicizia e stima che mi hai sempre dimostrato”. La collaborazione era cominciata il 1° ottobre dell’anno scorso.

“Non pensavo assolutamente che qualcuno potesse prenderla così male anche se so benissimo che la satira e il fumetto, con la loro ironica ambiguità, possono facilmente risultare poco comprensibili da chi, per età e formazione, non è abituato a frequentarli”, scrive Staino in una lettera al direttore. “Certo il mio Jesus non risponde completamente ai canoni tradizionali”, prosegue, ma “mantiene tutta la carica rivoluzionaria contenuta nel messaggio evangelico. Per questo mi piaceva, da non credente, essere al fianco di quel grande rinnovamento che osserviamo oggi nella chiesa cattolica guidata da Francesco”.

 

Già “le prime lettere e i primi messaggi arrivati anche a me non lasciavano promettere bene”, fa sapere il vignettista, “ma speravo fossero sparute figure rancorose che si trovano sempre dentro ogni comunità”. Invece, “le voci dissonanti, a volte al limite della volgarità sono troppe ed investono, sfruttando strumentalmente il mio lavoro, la tua figura, il valore del giornale da te diretto, fino, oserei dire a colui che oggi guida il mondo cattolico”.

Una situazione in cui “è ben difficile lavorare: prendere la matita in mano sapendo bene che qualunque cosa io disegni verrà passata sotto microscopio alla ricerca di punti o sfumature che possano esser letti come offensivi o blasfemi, fa sì che venga a mancare quella serenità di fondo che permette di far incontrare il sorriso fraterno laico con un sorriso fraterno cattolico”. “Per questo, caro Marco, è forse meglio chiudere qui o se vogliamo essere ottimisti, sospendere qui la nostra esperienza comune”.

Tarquinio, rispondendo a Staino, lo ringrazia per la sua “schiettezza e rigore morale”: “quando abbiamo avviato questa collaborazione, giusto un anno fa, pensavo a tutto meno che a metterti in una condizione che ti avrebbe tolto serenità… E invece è andata in questo modo”.

“Mi dispiace, mi dispiace davvero”, prosegue il direttore del giornale dei vescovi. “Così come mi dispiace che altre persone, turbate e in qualche caso eccitate anche solo dall’idea di un «ateo che disegna per “Avvenire”», abbiano perso la loro serenità fino a concepire e scrivere invettive come quella che citi”.

Come aveva spiegato Staino stesso in un’intervista ad Avvenire in occasione dell’avvio della collaborazione, il Gesù da lui disegnato era semplicemente l’uomo, “a prescindere dal Gesù figlio di Dio”: “somiglia a mio figlio quando aveva vent’anni, e portava i capelli lunghi”. Nell’intervista il vignettista si apriva anche sulla malattia che da molti anni lo ha reso quasi cieco e presentandosi ai lettori diceva: “li abbraccerei. Questo farei, con i lettori di ‘Avvenire'”. Come fa con “quelli che mi vengono davanti e non li vedo”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati Generali Editoria, Lorusso: al via col piede sbagliato. Affossate proposte per Inpgi e contrasto precariato

Stati Generali Editoria, Lorusso: al via col piede sbagliato. Affossate proposte per Inpgi e contrasto precariato

Partnership Rai-China Media Group. Salini: cooperazione per televisione, radio, cinema e attività di formazione

Partnership Rai-China Media Group. Salini: cooperazione per televisione, radio, cinema e attività di formazione

Accordo di partnership tra Ansa e il gruppo multimediale cinese Xinhua

Accordo di partnership tra Ansa e il gruppo multimediale cinese Xinhua