- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Fondazione Allianz Umana Mente sostiene il film ‘Detective per caso’. Protagonisti attori disabili

La Fondazione Allianz Umana Mente sostiene il film ‘Detective per caso’ promosso dall’Associazione L’Arte nel Cuore, presentato ieri alla Festa del cinema di Roma. La commedia, opera prima del regista Giorgio Romano, con Claudia Gerini, Valerio Mastandrea, Paola Cortellesi e altri interpreti, prodotto da Addictive Ideas e distribuito da Medusa Film, è un film con attori professionisti disabili che non tratta di disabilità.

[1]

La locandina del film ‘Detective per caso’

Fondazione Allianz Umana Mente, sensibile all’innovazione progettuale, ha accolto la sfida lanciata dall’Associazione L’Arte nel Cuore al mondo del cinema: scegliere attori disabili per interpretare ruoli che sarebbero generalmente interpretati da attori affermati, abbattendo così le barriere che da sempre caratterizzano alcuni mondi, tra cui quello dello spettacolo, dando spazio alle diversità.
Il film, che prende vita da un soggetto di Daniela Alleruzzo, presidente de L’Arte nel Cuore, è una commedia che tratta temi sociali importanti con leggerezza, declinata in modo da poter sottolineare il talento degli artisti disabili.

Lo scopo di questo film è quello di spostare i confini, eliminando ruoli e gerarchie: non c’è “sano” né “malato”, ma solo persone che vivono le proprie ambizioni e i propri sogni. I personaggi sono ironici, maliziosi, furbi, spregiudicati, e l’innovazione si trova proprio nel modo in cui sono trattati i personaggi, approfonditi realisticamente, ma anche visti in chiave comica e dissacrante.

Maurizio Devescovi, presidente della Fondazione Allianz Umana Mente e direttore generale di Allianz S.p.A, ha fatto sapere, tramite una nota stampa: “Il progetto Detective per caso rappresenta per la Fondazione Allianz Umana Mente la prima esperienza nel mondo cinematografico. Siamo onorati di aver contribuito a realizzare il sogno dei ragazzi dell’Accademia L’Arte nel Cuore. Abbiamo infatti sposato da subito questo progetto, che mirava a valorizzare dei talenti emergenti, superando qualsivoglia stereotipo di diversità, a favore di veri ruoli da protagonisti del film. Gli attori hanno così potuto interpretare ogni scena da veri professionisti, imparando a gestire le loro emozioni sul set giorno dopo giorno. Un risultato importante sul piano umano, come su quello cinematografico”.

Daniela Alleruzzo, Presidente de L’Arte nel Cuore, ha raccontato: “Questo film per noi rappresenta la vera mission della nostra Accademia: dare a persone che in molti chiamano speciali, o diversi, la possibilità di esprimersi artisticamente. In ‘Detective per caso’ sono loro i veri protagonisti, e gli spettatori, che siamo sicuri saranno numerosissimi, non faranno più caso alla loro condizione. Perché sono attori, cantanti veri. Ma soprattutto persone vere. Voglio ringraziare davvero tutti coloro che si sono impegnati per permettere di aggiungere un tassello in più al nostro sogno. Un grazie particolare va al regista del film, Giorgio Romano, e un altro ringraziamento lo vogliamo fare alla Fondazione Allianz Umana Mente, che ha creduto dal primo giorno in questo progetto e ha reso possibile tutto questo”.

“Posso solo dire grazie alla Fondazione Allianz Umana Mente e all’Associazione L’Arte nel Cuore per aver dato a me e alla mia società la straordinaria opportunità di contribuire alla realizzazione del loro grande sogno”, ha aggiunto il produttore Guia Invernizzi Cuminetti, ceo Addictive Ideas, “Perché da questo tutti insieme siamo partiti: un sogno che sembrava quasi impossibile trasformare in realtà. Poi il grande talento dei ragazzi, la voglia e la determinazione di cambiare le cose, di lanciare un segnale a questo mondo fatto di stereotipi, e che ancora pone limiti e separa, hanno fatto il miracolo. Spinti ogni giorno a superare gli ostacoli e a fare qualcosa di più grande di noi, abbiamo costruito un film vero, un film con la F maiuscola, che emoziona, che fa riflettere e che diverte”.