Editoria: secondo Liberation Pigasse voleva cedere a Kretinsky la sua intera quota in Le Monde

Il banchiere d’affari Matthieu Pigasse, coproprietario del gruppo Le Monde, aveva progettato di cedere tutte le sue quote al miliardario ceco Daniel Kretinsky, salvo poi fare “marcia indietro” ad inizio settembre “per la pressione di diverse persone vicine”.  Lo sostiene il quotidiano Liberation.

Pigasse, interpellato sulla vicenda, ha spiegato che il suo “unico obiettivo è sempre stato, è e sarà di conservare l’equilibrio e l’indipendenza del gruppo Le Monde, ai quali Daniel Kretinsky potrà contribuire in modo utile”.

Matthieu Pigasse

Lo stesso banchiere francese ha ribadito che l’accordo reso pubblico la settimana scorsa riguarda “una partecipazione di minoranza” in cui “Pigasse conserva soltanto il controllo della società Le Nouveau Monde e resta unico cogestore, insieme con Xavier Niel, della società Le Monde Libre, holding che controlla il gruppo le Monde e L’Obs”.

Intervistato da France Inter, il neoministro della Cultura, Franck Riester, ha affermato che “la questione di un azionariato straniero su grandi testate della stampa francese come Le Monde è una questione importante”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club