Non solo numeri. Ecco come Condé Nast ha scelto i talent della sua Social Agency

Non solo numeri, ma soprattutto verticalità e qualità dei contenuti. Riccardo Pozzoli, direttore creativo, della Social Talent Agency di Condé Nast, spiega i criteri utilizzati per selezionare gli influencer con cui prende il via il progetto dell’editrice.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Video correlati

Salvini: Tg1, Tg5 e TgLa7 parlano solo di “fesserie”. La risposta di Mentana: fa un baffo la sua critica, ma forse dovremmo parlare del concorso Vinci Salvini Salvini: Tg1, Tg5 e TgLa7 parlano solo di “fesserie”. La risposta di Mentana: fa un baffo la sua critica, ma forse dovremmo parlare del concorso Vinci Salvini

Salvini: Tg1, Tg5 e TgLa7 parlano solo di “fesserie”. La risposta di Mentana: fa un baffo la sua critica, ma forse dovremmo parlare del concorso Vinci Salvini

Direttiva Ue sul copyright. Ecco cosa prevede la riforma Direttiva Ue sul copyright. Ecco cosa prevede la riforma

Direttiva Ue sul copyright. Ecco cosa prevede la riforma

Bebe Vio nella futuristica Nuvola di Fuksas per l’energia “full digital” di Sorgenia. Spot e backstage Bebe Vio nella futuristica Nuvola di Fuksas per l’energia “full digital” di Sorgenia. Spot e backstage

Bebe Vio nella futuristica Nuvola di Fuksas per l’energia “full digital” di Sorgenia. Spot e backstage