Il presidente Mattarella riceve Gaspare Borsellino per i 30 anni di Italpress

Una delegazione dell’agenzia di stampa Italpress e’ stata ricevuta al Quirinale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione delle celebrazioni per i trent’anni della fondazione dell’agenzia.

I capi servizio Angelo Brocato e Gianfranco Merenda, il presidente Mattarella, Borsellino e Cucci (foto uff stampa Italpress)

I capi servizio Angelo Brocato e Gianfranco Merenda, il presidente Mattarella, Borsellino e Cucci (foto uff stampa Italpress)

Della delegazione facevano parte il fondatore e direttore responsabile Gaspare Borsellino, il direttore editoriale, Italo Cucci, e i capiservizio Angelo Brocato e Gianfranco Merenda. Al centro dell’incontro con il capo dello Stato i temi legati al ruolo delle agenzie di stampa in un sistema informativo in pieno mutamento. “Stiamo vivendo una fase di grandi trasformazioni di cui non si riesce ancora a immaginare il finale”, ha detto Mattarella. E ha ribadito l’importanza del pluralismo e della liberta’ dell’informazione, sulla quale, ha detto il presidente della Repubblica, “vigileremo”.

Il direttore Gaspare Borsellino ha consegnato al capo dello stato una targa ricordo in occasione del trentennale. L’agenzia di stampa Italpress e’ stata fondata da Borsellino, a Palermo, nel 1988. Oggi e’ l’unica agenzia di stampa nazionale con redazione centrale a sud di Roma e sedi in tutta Italia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

Maccanico lascia Sky per guidare il progetto della nuova Cinecittà presieduta da Chiara Sbarigia

<strong> Venerdì 16 e Sabato 17 aprile </strong> Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

Venerdì 16 e Sabato 17 aprile Pio e Amedeo battono Serena Rossi. De Filippi stacca Gioè (r)

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli

“La pandemia non è un gioco della comunicazione con cui accaparrarsi i voti”, dice il ministro Patuanelli