Riffeser Monti (Fieg): grave denigrare il lavoro di giornalisti ed editori. Manca il confronto con il Governo

“Quello che è grave è il concetto di denigrare un lavoro, dei giornalisti, degli editori, di tutti, che credo che non abbia precedenti nella storia”. Così il presidente della Fieg, Andrea Riffeser Monti, ha replicato a chi gli chiedeva un commento sull’intenzione del governo di tagliare i fondi pubblici all’editoria.

“Io sono critico, prima di tutto, perché non si è neanche instaurato un dialogo con questo governo. Quindi sono molto critico sui rapporti, diciamo istituzionali: questa è la cosa più grave”, ha detto a margine dell’assemblea nazionale dell’Anci a Rimini.

In seconda battuta, ha proseguito, “credo che in Paese civile prima ci sia una discussione serena per valutare tutte le cose”.

Andrea Riffeser Monti (Foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

“All’estero”, ha proseguito, “si stanno comportando in maniera diversa verso la stampa: la Francia ha trovato un equilibrio rifinanziando e dando prospettive importanti per la stampa su carta e online qui si va in un senso contrario. Ma soprattutto”, ha concluso il numero uno della Fieg, “quello che è grave è il concetto di denigrare un lavoro, dei giornalisti, degli editori, di tutti, che credo che non abbia precedenti nella storia”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 INFLUENCER DI MARZO. La nascita di Vittoria e il Festival di Sanremo gli eventi del mese. Ferragni e Fedez nei primi due posti

TOP 15 INFLUENCER DI MARZO. La nascita di Vittoria e il Festival di Sanremo gli eventi del mese. Ferragni e Fedez nei primi due posti

Uefa sul caso Superlega: irritazione ma nessuna sanzione. Verso i 12 club ‘ribelli’ saranno valutate conseguenze

Uefa sul caso Superlega: irritazione ma nessuna sanzione. Verso i 12 club ‘ribelli’ saranno valutate conseguenze

Moles: comunicazione orientata mette a rischio futuro democrazie; su Copyright presto incontro con Mic e AgCom

Moles: comunicazione orientata mette a rischio futuro democrazie; su Copyright presto incontro con Mic e AgCom