Si chiamerà Open il giornale online di Mentana. Venti praticanti assunti a tempo indeterminato

Il giornale online di Enrico Mentana si chiamerà Open e sarà composto da una redazione di venti praticanti giornalisti assunti a tempo indeterminato. Lo ha fatto sapere il direttore del Tg La7 con un post su Facebook
.

Open “sarà gratuito”, scrive Mentana, e “se il diavolo non ci mette la coda – ironizza – partirà all’inizio di dicembre”. La nuova testata vuole essere uno strumento rivolto a tutti, anche a chi non ha l’abitudine di informarsi e specialmente ai più giovani. “Sarà un giornale aperto al nuovo, aperto a tutte le idee, aperto a tutti i contributi”, spiega il giornalista.

La società editrice è una srl a impresa sociale senza fini di lucro, come già anticipato in uno dei primi post pubblicati sulla sua pagina, di cui Mentana è socio al 99%. Il direttore del Tg La7 ribadisce di esserne il garante, anche economico, e che provvederà personalmente ad appianare eventuali perdite se le entrate dovessero essere inferiori ai costi. In caso di guadagni saranno tutti reinvestiti in nuove assunzioni.

Già in mattinata il giornalista aveva anticipato qualcosa del progetto con un altro post su Facebook, raccontando che il reclutamento dei giovani per la redazione non è ancora terminato.

Il “ritardo”, scrive Mentana, è dovuto ai suoi impegni televisivi “anche perché – spiega – “non voglio che nessuno possa mai dire che ho sottratto solo un minuto o un briciolo di attenzione al mio lavoro televisivo”.

Inoltre, prosegue Mentana, ognuno dei 15mila candidati sarà tenuto in considerazione per lo sviluppo a medio termine della testata online, come anticipato nella mail inviata a chi non era stato selezionato per i colloqui. Risposta che non è ancora arrivata a tutti i 15mila giovani che hanno inviato le loro candidature, perché, ironizza Mentana, “è più facile fondare un giornale che inviare 15mila mail”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs: utile netto 2018 in crescita a 85,2 milioni; dal digitale il 16,7% dei ricavi. Dopo 10 anni torna al dividendo

Da Piero Angela a Bernard-Henri Lévy. Tutti i sostenitori della battaglia per la vita di Radio Radicale

Mediaset, Ps Berlusconi: dobbiamo cambiare passo, espandersi all’estero per crescere ancora