Repubblica, Cdr rifiuta tagli al costo del lavoro: rilancio e piano editoriale o sciopero

Nota del Cdr di Repubblica – L’Assemblea dei giornalisti di Repubblica giudica insufficiente le iniziative a supporto del giornale esposte dall’Azienda e irricevibile il piano di tagli al costo del lavoro così come prospettato.
I giornalisti di Repubblica danno mandato al Cdr di abbandonare il tavolo di confronto con l’Azienda.
Qualsiasi ulteriore dialogo con la controparte potrà riprendere solo in presenza di un più articolato e incisivo piano industriale di rilancio e di un contestuale piano editoriale.
In caso contrario il Cdr, su mandato dell’Assemblea e in ottemperanza allo stato di agitazione già in atto, proclamerà le giornate di sciopero a sua disposizione, che fin da oggi sono portate a sette.
La Redazione di Repubblica esprime inoltre solidarietà ai colleghi dell’Espresso e non è disposta a tollerare forme di pressione sul sindacato e\o su singoli giornalisti nell’ambito delle diverse vertenze che coinvolgono il gruppo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Inpgi, Crimi: M5S non vuole commissariamento; ipotesi passaggio ammortizzatori sociali all’Inps

Inpgi, Crimi: M5S non vuole commissariamento; ipotesi passaggio ammortizzatori sociali all’Inps

Condè Nast vende W a Future Media Group. Sara Moonves sostituisce alla direzione Stefano Tonchi

Condè Nast vende W a Future Media Group. Sara Moonves sostituisce alla direzione Stefano Tonchi

Andrea Farinet è il nuovo presidente di Fondazione Pubblicità Progresso

Andrea Farinet è il nuovo presidente di Fondazione Pubblicità Progresso