Morandi sorpassa Fazio, risorge Giletti col maltempo ed Efe Bal. D’Urso stacca Venier

Non c’erano i motori in prima serata (la Formula 1 riposava, la MotoGp è andata in onda live alle 6 del mattino e poi al pomeriggio) e così è stata meno influenzata da fattori ‘esogeni’ la sfida domenicale tra il talk di Fabio Fazio e la fiction con Gianni Morandi. E a caratterizzare il contesto, anche al pomeriggio, più del calcio, sono state le notizie tragiche sugli effetti del maltempo nel Paese.

Detto che ieri a prevalere è stata complessivamente la fiction di Canale5, va registrato come l’esito del confronto tra le ammiraglie si presti però a varie letture e decodifiche. In termini di ascolti, ha vinto la prima parte di ‘Che tempo che fa’.

Schierando come sempre Carlo Cottarelli in apertura, ospitando quindi Ilaria Cucchi, Luca Zingaretti e Luisa Ranieri, Michael Bublè e l’intervento comico di Luciana Littizzetto, Fabio Fazio ha conquistato nella prima parte 3,645 milioni di spettatori ed il 14,5%. Passando alla fase del ‘tavolo’ ha per converso conquistato 2,216 milioni di spettatori e il 13,02% di share, con una media di 3,122 milioni di spettatori e il 14,1%.

‘L’Isola di Pietro2’, partendo dopo e finendo un po’ prima della seconda parte del programma di Fazio, ha conseguito 3,347 milioni di spettatori e il 15,51%. Nella fase in cui le due trasmissioni sono andate in onda contemporaneamente è prevalso Morandi (15,5% a 13,63%), ma con Fazio leggermente in vantaggio con la prima fase del suo programma (14,36% a 14,22%).

Dietro le ammiraglie sono arrivate ‘Le Iene’ a quota 2,144 milioni e 11,94% (e poi al comando nella nottata), che in termini di ascolti hanno preceduto Udinese-Milan su Sky (1,4 milioni e 5,6%) ed un’ottima puntata di ‘Non è l’Arena’ su La7.

Massimo Giletti ha aperto sull’alluvione e i morti di queste giornate, si è collegato con la Sicilia ed il Veneto, ha ospitato tra gli altri Mario Tozzi, Luca Telese, Pietrangelo Buttafuoco, Antonio Di Pietro, Nunzia De Girolamo, Simona Bonafè, Mario Giordano. Nella fase notturna, infine, ha proposto il confronto tra Efe Bal e Carlo Giovanardi. Così impacchetto il programma ha conseguito 1,342 milioni di spettatori e il 7% nella sterminata durata (20.38-24.56), facendo meglio dello ‘Speciale Tg2’ sul maltempo (907mila e 3,6%).

Ha fatto bene su Rai3, ieri, anche la seconda puntata del docuformat, ‘Le Ragazze’, con Gloria Guida alla conduzione, che ha conquistato 1,212 milioni di spettatori e il 5,4%.

Mentre in coda è arrivato su Rete4 ‘I predatori dell’arca perduta’ (889mila e 4,1%).

In day time, stavolta, è stata più chiara del solito la prevalenza di Barbara D’Urso su Mara Venier, ma con la Rai che però ha fatto bene al pomeriggio sia con Rai2 che, soprattutto, con Rai3.

Su Canale 5 Barbara D’Urso, pur lamentando l’assenza di Albano all’ultimo momento, per motivi di salute, ha inanellato una sequenza in crescendo molto significativo: 11,27%, 17,88%, 20,13%, 18,8%, 17,62%, 13,96%. Nel periodo in cui i due contenitori principali sono andati in onda contemporaneamente D’Urso (17,6%) ha fatto meglio di Venier (15,42%).

Su Rai1 ‘Domenica In’ ha conseguito il 16,3% nella prima parte e il 15,11% nella seconda parte. Subito dopo, al posto di Cristina Parodi, il Tg1 Speciale ha riscosso il 14,6%. Su Rai2, invece, ‘Quelli che aspettano’ ha conseguito il 6,52% e ‘Quelli che il calcio’ il 7,41%.

Decisamente buono è stato il filotto della terza rete: ‘Mezzora in più’ è arrivato all’8,63% con Barbara Lezzi e Armando Spataro ospiti di Lucia Annunziata e poi Camila Raznovich con ‘Kilimangiaro’ ha conquistato il 7,3% nella prima parte e nella seconda parte il 9,57%.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs: utile netto 2018 in crescita a 85,2 milioni; dal digitale il 16,7% dei ricavi. Dopo 10 anni torna al dividendo

Da Piero Angela a Bernard-Henri Lévy. Tutti i sostenitori della battaglia per la vita di Radio Radicale

Mediaset, Ps Berlusconi: dobbiamo cambiare passo, espandersi all’estero per crescere ancora