Living compie 5 anni: numero da collezione e spin off dedicato all’urban style

Living, il mensile RCS di interiors, design e lifestyle diretto da Francesca Taroni, celebra i 5 anni della testata con il debutto di Living Collection, il nuovo spin off di Living dedicato all’Urban Style, e un numero da collezione con 3 copertine con i bouquet d’autore creati per l’occasione da designer internazionali.

Copertina-bouquet di Living per il quinto anniversario (foto Ufficio Stampa RCS)

Le tre copertine da collezione propongono bouquet di design firmati Bethan Laura Wood, Nathalie Du Pasquier, Jaime Hayon. L’inchiesta tratta 5 temi chiave della progettazione del futuro: l’evoluzione della smart home, gli spazi verdi, i progetti marziani, la condivisione che traina la sharing generation, l’upcycling, il design al servizio del riciclo dei materiali.

Le immagini del portfolio, una selezione dei servizi fotografici prodotti da Living negli ultimi 5 anni, tracciano invece una vera e propria mappa della creatività contemporanea.

In uscita a metà novembre anche il nuovo Living Collection, un numero annuale da collezione che Living dedica all’Urban Style. “Grazie anche al nuovo Living Collection, questo mese Living incrementa i ricavi del 23% rispetto a novembre 2017” commenta Raimondo Zanaboni, direttore generale di RCS Pubblicità –

Le iniziative di Living di novembre sono sostenute da una campagna pubblicitaria realizzata da Hi Comunicazione! e pianificata su LA7 e Mediaset, oltre che sui mezzi RCS.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lucania, tra realismo magico e western. A Milano il 22 giugno al Cinema Centrale

Lucania, tra realismo magico e western. A Milano il 22 giugno al Cinema Centrale

A Nuoro le prime Masterclass per studenti di Anica e Accademia del cinema italiano

A Nuoro le prime Masterclass per studenti di Anica e Accademia del cinema italiano

Le nuove tecnologie per rendere l’inclusività. Fondazione Tim lancia il bando ‘L’arte che accoglie’

Le nuove tecnologie per rendere l’inclusività. Fondazione Tim lancia il bando ‘L’arte che accoglie’