Via libera finale dall’Ecofin all’Iva ridotta sugli ebook

Via libera finale dell’Ecofin all’Iva ridotta sugli ebook, che fissa il principio per cui un libro o un giornale digitali sono equivalenti alle pubblicazioni cartacee. I 28 hanno ulteriormente formalizzato l’intesa politica che era stata raggiunta lo scorso 2 ottobre. D’ora in poi gli stati membri saranno liberi di applicare se lo vorranno aliquote Iva ridotte (minimo 5%), super ridotte (inferiori a 5%) o pari a zero anche alle pubblicazioni elettroniche, consentendo queste due ultime tipologie a quei Paesi che attualmente già le applicano alle pubblicazioni cartacee.

CC0 Creative Commons (foto: Pixabay.com)

In base alle attuali norme sull’Iva, i servizi forniti elettronicamente sono tassati all’aliquota Iva normale, vale a dire un minimo del 15%, mentre le pubblicazioni su un sostegno fisico possono beneficiare di tariffe non standard.

 

Le nuove regole si applicheranno temporaneamente, in attesa dell’introduzione di un nuovo sistema Iva definitivo. La Commissione ha presentato proposte per il nuovo sistema, che consentirebbe agli Stati membri una maggiore flessibilità rispetto all’attuale impostazione delle aliquote Iva.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

GroupM presenta l’hub Digital e l’approccio consulenziale di un centro media moderno. Beduschi: dal digitale il 35% dei ricavi

GroupM presenta l’hub Digital e l’approccio consulenziale di un centro media moderno. Beduschi: dal digitale il 35% dei ricavi