Ue: ok finale alle nuove regole per l’audiovisivo. Tutela minori e quota del 30% per le produzioni europee nei cataloghi tra i punti

Via libera finale alla nuova direttiva Ue che ammoderna le regole sull’audiovisivo, che prevedono una quota minima del 30% di produzioni europee sulle piattaforme on demand di streaming come Netflix e una maggiore tutela dei minori da contenuti violenti, dannosi o di istigazione all’odio online così come avviene per la tv tradizionale. I 28 all’Ecofin hanno infatti dato il loro ok finale, dopo quello del Parlamento Ue del 2 ottobre.

Europarlamento (foto Ansa – EPA/FRED MARVAUX)

Le nuove regole, che hanno così completato tutto l’iter legislativo, potranno entrare in vigore dopo 20 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Ue, mentre gli stati membri avranno 21 mesi di tempo per trasporle nella legislazione nazionale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fnsi in piazza il 20 maggio per informazione e lavoro: Il Pnrr non assegna la giusta attenzione a chi fa informazione

Fnsi in piazza il 20 maggio per informazione e lavoro: Il Pnrr non assegna la giusta attenzione a chi fa informazione

Sergio, direttore Radio Rai: il futuro è ibridazione tra mezzi, la radio è una piattaforma dove la differenza la fa il contenuto. E su Ter…

Sergio, direttore Radio Rai: il futuro è ibridazione tra mezzi, la radio è una piattaforma dove la differenza la fa il contenuto. E su Ter…

Il campionato di Serie A 2021-22 parte il 22 agosto. Format più spettacolare per la Coppa Italia (con 40 squadre solo di A e B)

Il campionato di Serie A 2021-22 parte il 22 agosto. Format più spettacolare per la Coppa Italia (con 40 squadre solo di A e B)