Facebook: Zuckerberg rifiuta l’invito della ‘commissione internazionale’ per parlare di fake news e disinformazione

Il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, non si presenterà a Londra davanti alla cosiddetta ‘grande commissione internazionale’ per rispondere alle domande dei parlamentari britannici, canadesi e di altri Paesi in tema di ‘fake news’ e disinformazione.

In passato Zuckerberg ha testimoniato davanti al Congresso Usa, ma questa volta Facebook ha fatto sapere che il fondatore del social non può testimoniare davanti a tutti i Parlamenti.

zuck fb

Mark Zuckerberg (Foto Ansa-Ap)

Zuckerberg era stato invitato a fine ottobre alla prevista sessione parlamentare congiunta, che si terrà a Westminster il 27 novembre. Il presidente della commissione media del Parlamento britannico, Damian Collins, ha cercato oggi di aumentare la pressione su Zuckerberg per convincerlo a partecipare sottolineando che negli ultimi giorni anche i parlamentari di Australia, Argentina e Irlanda si sono uniti a quelli britannici e canadesi nella ‘grande commissione internazionale’. Insieme, ha proseguito, i cinque parlamenti che adesso fanno parte della commissione internazionale rappresentano 170 milioni di utenti del social.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tlc, Di Stefano: Realizzare una società unica della rete è necessario per lo sviluppo digitale. Peccato che Enel esca da Open Fiber

Tlc, Di Stefano: Realizzare una società unica della rete è necessario per lo sviluppo digitale. Peccato che Enel esca da Open Fiber

Social e censura. Giornalisti ed esperti ne parlano domani nell’evento streaming “Come cambiano le piattaforme digitali. Da postini a editori” di Asr

Social e censura. Giornalisti ed esperti ne parlano domani nell’evento streaming “Come cambiano le piattaforme digitali. Da postini a editori” di Asr

Lorenzo Tosa è il nuovo direttore di Next Quotidiano

Lorenzo Tosa è il nuovo direttore di Next Quotidiano