Guanda acquisisce la casa editrice astoria

Ugo Guanda Editore, società controllata dal Gruppo editoriale Mauri Spagnol, ha acquistato astoria, casa editrice fondata e guidata da Monica Randi che proprio nel gruppo Longanesi (ora Gems) sotto Mario Spagnol ha mosso i primi passi nell’editoria più di 30 anni fa.

Marco Tarò, amministratore delegato di Guanda che ha condotto l’operazione, sarà amministratore unico di astoria, mentre a Randi sarà affidato il compito di svilupparne il programma editoriale in continuità con il passato e con l’ausilio degli strumenti messi a disposizione dal gruppo.

L’acquisizione, ricorda la nota che comunica l’operazione, avviene in un anno in cui Guanda ha visto una crescita di fatturato del 40%, il successo di molti suoi autori e la vittoria in alcuni dei più importanti premi letterari.

“Guanda fa proprio un marchio di qualità, che si è nutrito di una bella e singolare esperienza editoriale, e la società realizza così un’acquisizione in sintonia con la propria storia e le proprie scelte”, ha commentato Luigi Brioschi, presidente e publisher di Guanda.

“astoria in questi anni si è distinta nel restituire soprattutto a narratrici del passato la dignità letteraria che meritano”, ha spiegato invece Stefano Mauri, presidente del Gruppo editoriale Mauri Spagnol, commentando l’acquisizione.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto