News Corp: utile e ricavi in aumento nel primo trimestre. In crescita gli abbonamenti digitali dei giornali

News Corp ha registrato un incremento dei ricavi del 23% a livello annuale nel primo trimestre per via dell’impatto positivo del consolidamento degli asset televisivi australiani, ma il fatturato derivante dalla pubblicità sulla carta stampata è calato. E’ il dato che emerge dai conti al 30 settembre del gruppo editoriale statunitense, i cui ricavi si sono attestati a 2,52 miliardi di dollari rispetto ai 2,06 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. ‘utile netto è salito a 128 milioni di dollari, rispetto agli 87 miliardi del primo trimestre del 2017. In luce anche l’utile pretasse, cresciuto del 44% a/a a 358 miliardi.

I ricavi del business news, che comprende il Wall Street Journal, Times of London e il New York Post, sono aumentati dell’1% a livello annuale a 1,25 miliardi di dollari, ma il fatturato derivante da pubblicità è sceso del 7% nel confronto anno su anno. In crescita gli abbonamenti digitali: con il 65% delle sottoscrizioni al Wsj che sono esclusivamente digital.

Robert Thomson

“La crescita dei ricavi e dell’utile ha confermato la nostra strategia focalizzata sullo sviluppo digitale e sul porre particolare enfasi sugli abbonamenti man mano che il mercato pubblicitario continua ad evolversi”, ha dichiarato l’amministratore delegato, Robert Thomson, commentando i risultati.

Ad aprile News Corp, ricordiamo, ha completato la fusione di Foxtel e Fox Sports Australia. Il gruppo editoriale ha ora una partecipazione di controllo nell’entità frutto del merger, una delle più grandi reti di pay-Tv, sport e intrattenimento in Australia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

L’operazione Fieg anti pirataggio dei giornali online funziona (-67%). Riffeser: su Telegram bloccati 11 canali

Mauro Uliassi guadagna una stella in più, Armani perde l’unica. A Parma presentata la Guida Michelin 2019

Milano e Cortina giocano la carta Expo per convincere il Cio sulla fattibilità delle Olimpiadi 2026