Mondadori è allo IAB con un grande carosello e aree dedicate a Giallo Zafferano, Donna Moderna e Grazia

Quest’anno il Gruppo Mondadori è presente allo IAB come Platinum Sponsor con uno stand dedicato che ricrea l’atmosfera ludica e colorata dei luna park e coinvolge i visitatori con un grande carosello centrale e tre attività a tema distinte per tre dei suoi brand digitai più forti: Giallo Zafferano, Donna Moderna e Grazia.

Per chi si presenterà allo Stand n°6 il 12 e 13 novembre Mondadori ha preparato tante sorprese. Infatti oltre ad un bel giro sulla giostra, ci sarà il digital photoboot di Grazia Factory, la postazione make up dedicata di Donna Moderna e l’ape car di Giallo Zafferano che distribuirà pop corn e zucchero filato mentre giocolieri e trampolieri animeranno tutta l’area.

Mondadori sarà anche presente con due workshop pomeridiani con Giallo Zafferano (lunedì 12/11 alle ore 16,30) e Grazia Factory (martedì 13/11 alle ore 15) entrambi nella sala Amber 5 tenuti rispettivamente da  Andrea Santagata e Daniela Cerrato.

Daniela Cerrato e Andrea Santagata

Per registrarsi ai wokrshop e vedere il programma
https://www.iab.it/eventi/iab-forum/iab-forum-2018/programma-workshop-2018/

Per ulteriori info logistiche su come raggiungere Mico :
https://www.iab.it/eventi/iab-forum/iab-forum-2018/come-raggiungere-mico/

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mic):  in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Franceschini (Mic): in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi