Rcs: nei 9 mesi l’utile sale a 52 milioni. Confermati i target 2018, con debito ridotto sotto i 200 milioni

Rcs ha chiuso i primi nove mesi dell’anno riportando un utile netto in crescita a 52,1 milioni di euro, che si confronta con un risultato positivo per 19,8 milioni di euro riportato nell’analogo periodo dello scorso esercizio. I ricavi, si legge in una una nota stampa (.pdf) dell’editrice, sono saliti da 657,7 a 713,3 milioni di euro.

I ricavi da attività digitali sono aumentati del 15,9% a/a a 112,2 milioni. L’Ebitda si è inoltre rafforzato a 101,8 milioni dagli 84,4 mln a settembre 2017 e l’Ebit si è attestato a 77,3 milioni (47,1 mln).

L’indebitamento finanziario netto è sceso a 215,9 milioni (-71,5 milioni rispetto allo scorso dicembre).

Confermati i target 2018: una crescita dell’Ebitda e dei flussi di cassa della gestione corrente rispetto all’esercizio passato tali da consentire di ridurre l’indebitamento finanziario a fine anno sotto i 200 milioni di euro.

Il presidente e ad di Rcs, Urbano Cairo (Foto Ansa/Daniel Dal Zennaro)

Rcs MediaGroup evidenzia, con riferimento in particolare alle attività destinate a continuare, che il risultato netto del terzo trimestre risulta positivo per la prima volta dal 2010. E viene ricordato che il gruppo presenta un andamento stagionale delle attività che penalizza normalmente i risultati del primo e terzo trimestre dell’anno.

I ricavi pubblicitari sono scesi da 284,4 milioni a 281 milioni. Su base omogenea (al netto degli effetti dell’IFRS 15 pari a -8,1 milioni), registrano una incremento di 4,7 milioni rispetto ai primi nove mesi 2017, grazie in particolare ai maggiori ricavi pubblicitari realizzati da Unidad Editorial e da Quotidiani Italia.

I ricavi editoriali sono saliti da 263,2 a 326,6 milioni. Su base omogenea (al netto degli effetti dell’IFRS 15 pari a +75,9 milioni), si evidenzierebbe un decremento complessivo di 12,5 milioni (8,4 milioni in Spagna e 4,1 in Italia), principalmente per il calo dei mercati di riferimento nei due Paesi, che ha comportato la flessione delle diffusioni cartacee dei quotidiani. I ricavi diversi ammontano a 105,7 milioni di Euro e si confrontano con i 110,1 milioni dei primi nove mesi 2017.

Su base omogenea (al netto degli effetti dell’IFRS 15 pari a -10,5 milioni), i ricavi diversi si incrementano di 6,1 milioni, grazie in particolare all’effetto trainante dei maggiori ricavi di eventi sportivi. Il miglioramento dell’Ebitda è principalmente dovuto ai risultati positivi dell’attività di sviluppo dei contenuti editoriali, al continuo arricchimento dell’offerta e alla valorizzazione del portafoglio degli eventi sportivi, oltre al continuo impegno nel perseguimento dell’efficienza, che ha permesso di ottenere benefici relativi a costi operativi per 17,7 milioni, di cui 7,9 milioni in Italia e 9,8 milioni in Spagna.

Si segnala inoltre che nei primi nove mesi 2018 l’effetto netto complessivo degli oneri non ricorrenti risulta sostanzialmente pari a zero. L’Ebit nei nove mesi, pari a 77,3 milioni, si confronta con i 47,1 milioni del pari periodo 2017. Oltre al miglioramento dell’Ebitda, contribuiscono al risultato operativo minori ammortamenti per 12,8 milioni (di cui 6,6 milioni dovuti al passaggio da vita utile definita a vita utile indefinita delle testate quotidiane spagnole Marca ed Expansiòn, che l’anno scorso era stato recepito nell’ultimo trimestre).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs, la Procura apre un’inchiesta sulla sede del Corriere in via Solferino a Milano

Rcs, la Procura apre un’inchiesta sulla sede del Corriere in via Solferino a Milano

Attenzione agli imprenditori arrabbiati di Delzio

Attenzione agli imprenditori arrabbiati di Delzio

Prosegue lo scontro su Radio Radicale. Blog delle Stelle: soldi pubblici a Radio Soros. Lega: presidio di libertà da difendere

Prosegue lo scontro su Radio Radicale. Blog delle Stelle: soldi pubblici a Radio Soros. Lega: presidio di libertà da difendere