Nel 2019 debutta Disney+, il servizio streaming con cui Topolino sfida Netflix

Spunta qualche dettaglio in più sul progetti streaming targato Disney. Già annunciata nell’estate dello scorso anno, la piattaforma con cui la compagnia vuole sfidare Netflix e gli altri Ott si chiamerà Disney + e il suo debutto nel mercato americano è previsto per la fine del 2019.

Il servizio, che nel nome richiama l’app Espn+ dedicata allo sport lanciata qualche mese fa, offrirà non solo i contenuti dei principali marchi Disney, come Pixar, Marvel, Star Wars e National Geographic, ma anche le produzioni che debutteranno proprio l’anno prossimo, tra le quali ci sono anche i live-action ispirati a ‘Dumbo’, ‘Aladdin’ e ‘Il re Leone’, e l’atteso sequel di ‘Frozen’.

Robert A. Iger, chief executive Disney (foto Olycom)

“Il lancio di Disney + è un punto di partenza”, ha spiegato il ceo Bob Iger. “Vogliamo migliorare l’esperienza e il valore per i consumatori con un nuovi contenuti esclusivi personalizzati”.

Sul fronte dei conti, nel quarto trimestre la compagnia ha registrato un utile e ricavi record a livello annuale grazie alla solida performance dei parchi e dei resort e dei segmenti studio-entertainment. L’ultima riga di bilancio della multinazionale statunitense si è attestata a 2,32 miliardi di dollari, pari a 1,55 usd ad azione, in aumento del 32% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Bene anche i ricavi che, sempre negli ultimi tre mesi dell’anno fiscale, sono saliti del 12% a/a a 14,31 miliardi di dollari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

GroupM presenta l’hub Digital e l’approccio consulenziale di un centro media moderno. Beduschi: dal digitale il 35% dei ricavi

GroupM presenta l’hub Digital e l’approccio consulenziale di un centro media moderno. Beduschi: dal digitale il 35% dei ricavi