Reuters in sciopero contro il licenziamento di 16 giornalisti, un terzo della redazione italiana

Comunicato del Cdr – L’assemblea dei giornalisti di Reuters Italia respinge come inaccettabile l’annunciato avvio da parte di Reuters News & Media Italia di una procedura di licenziamento collettivo per 16 giornalisti, pari a più di un terzo della redazione italiana.

Incomprensibile anche la motivazione dell’ azienda, secondo cui i licenziamenti sarebbero necessari nel quadro di un piano di riorganizzazione e di efficientamento della struttura.

L’assemblea ritiene sproporzionata e immotivata questa decisione da parte di un gruppo che ha diffuso conti in utile, ha stanziato 2 miliardi dollari per potenziali acquisizioni, sta portando un programma di buyback e può contare – unico soggetto nel panorama mondiale dell’editoria – su ricavi certi per 325 milioni di dollari per 30 anni come parte di un accordo con il fondo Blackstone cui ha ceduto la divisione Financial & Risk.

L’assemblea dei giornalisti Reuters ha pertanto proclamato lo stato di agitazione affidando al CDR un pacchetto di 5 giorni di sciopero, di cui i primi due da tenersi oggi e domani.

Chiede il ritiro immediato della procedura di licenziamento e l’apertura di un tavolo di trattativa per la gestione non traumatica di eventuali esuberi.

La produzione di notizie Reuters dall’Italia, in lingua italiana e inglese, è dunque sospesa nelle giornate di oggi e domani.

Il Comitato di redazione

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Fico: dobbiamo liberarla dai partiti. Se cambia, può cambiare il Paese

Rai, Fico: dobbiamo liberarla dai partiti. Se cambia, può cambiare il Paese

Massimo Giletti in diretta su Rtl 102.5. Ogni venerdì alle 8 col programma ‘Giletti 102.5’

Massimo Giletti in diretta su Rtl 102.5. Ogni venerdì alle 8 col programma ‘Giletti 102.5’

TikTok, 104 milioni di video bloccati in sei mesi: nudità e sicurezza dei minori le principali ragioni

TikTok, 104 milioni di video bloccati in sei mesi: nudità e sicurezza dei minori le principali ragioni