Cairo Communication: utile in crescita a 31 milioni al 30 settembre; per La7 +30% negli ascolti giornalieri

Il Gruppo Cairo Communication ha chiuso i primi 9 mesi dell’anno con ricavi per 957,7 milioni, a fronte dei precedenti 882,7 milioni in linea con in 2017 su base omogenea. Lo riporta una nota del gruppo editoriale, nella quale si evidenzia la crescita a 117,7 milioni del margine operativo lordo (+11,7%) e a 75,7 milioni l’utile operativo (+33%), mentre il risultato netto è balzato di oltre l’80% a 31,4 milioni.
In calo il debito finanziario netto da 263,1 a 211,2 milioni, per effetto del calo del debito di 51,9 milioni della controllata Rcs.

Il dato sui ricavi dei primi 9 mesi, spiega il Gruppo, recepisce l’adozione del nuovo principio contabile ‘Ifrs 15’ entrato in vigore a inizio anno, che rende “non immediatamente confrontabili” i valori economici del 2018 con quelli dell’anno precedente. Se non si fosse applicato il nuovo principio contabile, i ricavi consolidati lordi dei primi nove mesi del 2018 sarebbero infatti pari a 878,5 milioni, in calo dello 0,4% rispetto agli 882,7 milioni al 30 settembre 2017.

Urbano Cairo (foto PRIMAONLINE)

Entrando nel dettaglio, il settore editoria periodici Cairo Editore ha continuato a conseguire risultati positivi, realizzando un margine operativo lordo (EBITDA) e un risultato operativo (EBIT) rispettivamente pari ad Euro 6,9 milioni ed Euro 6,1 milioni (Euro 10,1 milioni ed Euro 9,3 milioni nei primi nove mesi del
2017), impattati dai costi di lancio, nel terzo trimestre, di “Enigmistica Mia” pari a circa Euro 0,5
milioni.

Rcs ha realizzato margini in linea con gli obiettivi di risultato del 2018 e in forte crescita, con un risultato netto positivo di Euro 52,1 milioni più che raddoppiato rispetto ad Euro 19,8 milioni dei primi nove mesi del 2017.

Sul fronte televisivo, La7 ha registrato nei primi 9 mesi un incremento di ascolti pari al 29,6% sul totale giornaliero e al 41,2% considerando le ore di massimo ascolto (prime time). I risultati, definiti “ottimi” dallo stesso Gruppo, sono migliorati ulteriormente nel mese di ottobre, con un incremento del 40% sul totale giornaliero e del 48% in ‘prime time’.

Quanto alla raccolta pubblicitaria, nel terzo trimestre è salita dell’11%, con settembre oltre il +13%, e sulla base del portafoglio ordini aggiornato a ieri, raggiunge complessivamente quota 31,8 milioni, (+13%) rispetto all’analogo bimestre del 2017. “Sulla base di questi risultati – evidenzia  il Gruppo – ci si attende di superare in modo rilevante l’obiettivo di crescita (+10%) comunicato ad agosto per la pubblicità sui due canali nell’ultimo quadrimestre 2018”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale