Dentsu Aegis Network: Jerry Buhlmann lascia, Tim Andree è il nuovo ceo

Nuovo capo mondiale, da gennaio 2019, in Dentsu Aegis Network. Continua la fase delle successioni storiche nelle grandi holding della comunicazione. Ha iniziato Publicis più di un anno e mezzo fa promuovendo il delfino Arthur Sadoun al posto del mitologico Maurice Levy. Poi c’è stato il più drammatico e contrastato passaggio di consegne di Wpp, con l’uscita del fondatore Martin Sorrell e l’incarico differito al pupillo Mark Read. Quindi è arrivato l’annuncio della fine programmata, ma non ancora determinata esattamente, dell’era di Michael Roth a Interpublic. Ebbene, ha risolto la querelle rapidamente Dentsu Aegis Network. Il ceo Jerry Buhlmann lascerà l’incarico a fine anno a Tim Andree, attuale presidente esecutivo di Dentsu Aegis Network ed executive VP di Dentsu Inc.

Jerry Buhlmann e Tim Andree

Jerry Buhlmann e Tim Andree

Buhlmann era entrato a far parte di Aegis Group nel 1999, diventandone ceo nel 2010. Quando i giapponesi di Dentsu avevano acquisito Aegis Group nel 2013, Buhlmann – che rimarrà consulente del gruppo per l’intero 2019 – era diventato il capo della nuova creatura, Dentsu Aegis Network.

“La sua guida e la sua leadership hanno fatto sì che l’acquisizione di Aegis Group da parte di Dentsu abbia avuto un successo eccezionale. Dentsu Aegis Network è oggi un gruppo di servizi di marketing globale altamente integrato e altamente competitivo” ha commentato su Buhlmann il grande capo di Dentsu Inc., Toshihiro Yamamoto. Andree, che è entrato a far parte di Dentsu nel 2006, è ritenuta la persona giusta per continuare sulla stessa strada. “Ha guidato la globalizzazione di Dentsu Group e ha una profonda comprensione della proposta di mercato, della cultura e dei valori del business” ha sottolineato Yamamoto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini