Privacy, Soro: più educazione su rischi della condivisione dati. Consegniamo alla Rete pezzi di vita

Serve una maggiore educazione da parte dei cittadini sui rischi che derivano dalla condivisione e dalla cessione dei dati alla rete. Lo ha affermato il presidente dell’Autorità Garante della privacy, Antonello Soro, ritirando il premio Vincenzo Dona conferito dall’Unione Nazionale Consumatori.

“Dobbiamo imparare a conoscere il mondo in cui viviamo. La percezione che si ha del mondo digitale è quella di un luogo in cui si ricevono servizi gratuiti, invece bisogna capire che consegniamo ai gestori delle piattaforme pezzi importanti della nostra vita e quindi dobbiamo avere la capacità di governare quella dimensione”, ha spiegato.

Il garante della Privacy, Antonello Soro (Foto Ansa/Claudio Peri)

“Così come educhiamo i nostri figli ad attraversare la strada quando il semaforo è verde, così dobbiamo educare noi stessi a muoverci in questa dimensione dentro una serie di regole, pretendendo la stessa trasparenza e liceità di comportamenti che pretendiamo nella vita fisica”, ha rimarcato Soro.

“Le istituzioni, ha poi aggiunto in conclusione, “lo fanno già, ma dovrebbero farlo molto di più, la famiglia e la scuola in un’alleanza che coinvolge tutti quelli che colgono questo cambiamento straordinario, per viverlo bene, per coglierne i lati positivi e non subirne i rischi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Superlega. Florentino Perez (Real Madrid): vogliamo salvare il calcio dalla bancarotta;  Uefa ci dà 120-130 milioni, con la Superlega sono 400

Superlega. Florentino Perez (Real Madrid): vogliamo salvare il calcio dalla bancarotta; Uefa ci dà 120-130 milioni, con la Superlega sono 400

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

Superlega “punto di non ritorno”, “atto di guerra”, “piano cinico”.  Opinioni e reazioni in Italia e nel mondo

Superlega “punto di non ritorno”, “atto di guerra”, “piano cinico”. Opinioni e reazioni in Italia e nel mondo