- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Malagò ancora contro il Governo: con quattro righe è stato ucciso il Coni

“Dalla mattina alla sera, con quattro righe nella Finanziaria, e’ stato ucciso il Comitato olimpico italiano”. Dopo il Consiglio nazionale di ieri, [1] il presidente del Coni Giovanni Malagò torna a dire la sua sulla  riforma del Comitato proposta dal Governo, a margine della presentazione del progetto ‘Coni Ragazzi’ al Foro Italico, riguardo alle novita’ nella  legge di Bilancio in materia di sport.

[2]

Giovanni Malagò (Foto ANSA/ETTORE FERRARI)

“Da tutte le parti si e’ ribadito l’invito, l’esortazione, la speranza, e noi ribadiamo il diritto-dovere dell’andare al dialogo. Se qualcuno ritiene” ha aggiunto Malagò “si sia andato oltre con i toni valutate voi, in proporzione, la gravita’ del problema e dei fatti che sono accaduti, soprattutto non comunicati. Non c’e’ stata una parola che sia stata volgare. C’e’ un rispetto assoluto da parte nostra per le istituzioni. Anzi si fa fatica a trovare qualcuno che reagisca in maniera piu’ educata e corretta di quanto e’ stato fatto”.

Per Malago’ “forse era giusto” ascoltare il Coni. “Non si capisce e non c’e’ una motivazione secondo cui qualsiasi aspetto di questa norma entra in vigore dal 2020 ma si deve per forza fare nella legge di bilancio del 2018”.