Morandi batte di poco un Fazio in salute. Venier allo sprint su D’Urso

Morandi ha quasi ‘cuccato’ la Cuccarini e ieri i risultati dei meter gli hanno dato ragione, sia pure di poco, sul solito rivale. Senza le turbative del calcio in prima serata (sette giorni prima c’era stata la partita Milan-Juventus a fare il record sulla pay) hanno conquistato tanto pubblico entrambe le ammiraglie, ma anche ‘Le Iene’.

Detto come ieri a vincere la serata sia stata complessivamente la fiction di Canale5 ‘L’isola di Pietro’ 2, va chiarito come l’esito del confronto con Rai1 si presti però a letture diverse.

In termini di ascolti, ha vinto la prima parte di ‘Che tempo che fa’. Partendo col sindaco di Genova, Marco Bucci in collegamento, proponendo Carlo Cottarelli, quindi Roberto Mancini e Giorgio Chiellini, Leonardo Pieraccioni, Pippo Baudo, Giorgia e Fabio Rovazzi, l’intervento comico di Luciana Littizzetto prima del passaggio di Bruno Vespa, nella prima parte della trasmissione Fabio Fazio ha conquistato 3,944 milioni di spettatori e 15,94% di share (circa 500 mila spettatori in più rispetto a sette giorni prima). Passando alla fase del ‘tavolo’ la trasmissione ha avuto 2,4 milioni di spettatori e il 14,64% di share, con una media di 3,4 milioni di spettatori e il 15,6% (un punto e mezzo sopra la puntata precedente). ‘L’Isola di Pietro2’ – che aveva come momento forte narrativo l’amore in stato nascente tra i personaggi di Gianni Morandi e Lorella Cuccarini – ha guadagnato invece circa 200 mila spettatori, conseguendo 3,6 milioni di spettatori e il 16,8%. Nella fase in cui le due trasmissioni sono andate in onda contemporaneamente è prevalso Morandi (16,8% a 15,4%), ma con Fazio stavolta avanti con la prima fase del suo programma (16,2% a 15,7%).

Dietro le ammiraglie, sono arrivate ‘Le Iene’, ieri in risalita notevole a quota 2,281 milioni e 12,4% (e poi al comando nella nottata). Dietro Italia1 è andata via via calando Rai2: ‘Ncis’ ha avuto 1,925 milioni di spettatori e il 7,52%, ‘S.W.A.T.’ 1,386 milioni e 5,75% e poi 1,236 milioni e 6,21%, mentre ‘La Domenica Sportiva’ senza calcio di Serie A è sprofondata a 413mila spettatori e il 3,57%.

Su La7 ‘Non è L’Arena’ è calato un po’ proponendo i tormentoni di Massimo Giletti e parlando di calcio violento: 1,2 milioni e 6,3%.

In coda infine il film cult di Rete 4, ‘Indiana Jones e l’ultima crociata’ (945mila e 4,6%) ha fatto meglio del declinante ‘Le Ragazze’ (871mila e 3,9%) su Rai3.

In day time, senza calcio e senza ‘Quelli che il calcio’ su Rai2, al pomeriggio Mara Venier (16,04% per ‘Domenica In’) ha di nuovo battuto Barbara D’Urso (15,9% per ‘Domenica Live’) nel periodo in sovrapposizione.

Buono è stato il filotto della terza rete: ‘Mezzora in più’ è arrivato al 7,43% con Marco Minniti ospite di Lucia Annunziata nella prima parte e poi il professor Ian Zielonka a parlare della strana genia dei controrivoluzionari europei (7,9%) e poi Camila Raznovich con ‘Kilimangiaro’ ha conquistato l’8,4% nella prima parte e il 10,9% nella seconda parte.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs: utile netto 2018 in crescita a 85,2 milioni; dal digitale il 16,7% dei ricavi. Dopo 10 anni torna al dividendo

Da Piero Angela a Bernard-Henri Lévy. Tutti i sostenitori della battaglia per la vita di Radio Radicale

Mediaset, Ps Berlusconi: dobbiamo cambiare passo, espandersi all’estero per crescere ancora