Vivendi: proroga di 6 mesi per indagini sulla tentata scalata a Mediaset da parte della media company francese

La Procura di Milano ha chiesto e ottenuto la proroga delle indagini sulla tentata scalata da parte di Vivendi a Mediaset che vede coinvolti per manipolazione del mercato il numero uno del gruppo francese Vincent Bollorè e l’amministratore delegato Arnaud De Puyfontaine.

La richiesta di altri 6 mesi è stata avanzata dal pm Silvia Bonardi, titolare dell’inchiesta coordinata anche dal procuratore aggiunto Fabio De Pasquale, in quanto si è in attesa degli esiti di alcune rogatorie. Dopo di che la Procura trarrà le proprie conclusioni.

Vincent Bollorè, presidente di Vivendi (foto Olycom)

L’inchiesta era scattata a metà dicembre 2016 in seguito al mancato acquisto da parte di Vivendi della pay tv Mediaset Premium. Fininvest e Mediaset avevano presentato un esposto sostenendo che i francesi avrebbero creato “ad hoc” le condizioni per far scendere il titolo Mediaset, per poi lanciare la scalata a prezzi di sconto assieme allo scambio azionario del 3,5% tra Vivendi e Mediaset.

Nell’indagine, che aveva portato i finanzieri del Nucleo di polizia valutaria della Gdf di Milano, assieme a rappresentanti della Gendarmeria di Parigi a perquisire alcuni uffici nel quartier generale di Vivendi, Bollorè e De Puyfontaine sono accusati di aggiotaggio informativo. Inoltre sono già stati ascoltati diversi testimoni, tra cui anche Pier Silvio Berlusconi, il cfo di Mediaset Marco Giordani e Tarak Ben Ammar, consigliere di amministrazione di Vivendi e mediatore nel contratto di acquisto di Mediaset Premium.

Sulla vicenda è in corso anche un contenzioso civile con la prossima udienza fissata per il prossimo 4 dicembre davanti al giudice Daniela Marconi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Terna, investimenti in Italia per 6,2 miliardi di euro, il piano più importante di sempre

Terna, investimenti in Italia per 6,2 miliardi di euro, il piano più importante di sempre

Apple: New York Times e Washington Post non saranno nel nuovo servizio di news. Tra le testate big presente il Wall Street Journal

Apple: New York Times e Washington Post non saranno nel nuovo servizio di news. Tra le testate big presente il Wall Street Journal