Athesia festeggia 130 anni con il presidente della Repubblica. Ebner: ponte tra due mondi

Athesia ha festeggiato al Teatro Puccini i 130 anni dalla sua fondazione in presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dei tre presidenti dell’Euregio del Tirolo, Arno Kompatscher (Alto Adige), Maurizio Fugatti (Trentino) e Günther Platter (Tirolo, Austria)e di Christoph Leitl, presidente di Eurochambers (Unione delle Camere di Commercio europee).

 

Il Presidente Mattarella e l’amministratore delegato di Athesia Michl Ebner (foto Luca Ognibene/Athesia)

Athesia Michl Ebner, amministratore delegato del gruppo fondato nel 1888 a Bressanone e che ha sede a Bolzano, nel suo intervento ha ribadito l’importanza dell’Europa, riferisce una nota. Athesia trarrebbe grandi benefici dalle opportunità create da esponenti politici illuminati e lungimiranti, che in Alto Adige hanno realizzato un’ampia autonomia e aperto i confini politici nazionali. E ha dichiarato: “come impresa, inoltre, vogliamo assumere una funzione di ponte – linguistico ed economico – fra il mondo italiano e quello germanofono, facendo nostra sia l’affabilità della cultura mediterranea, che la meticolosità della cultura nordica”.

Michl Ebner ha voluto ringraziare Mattarella per il ruolo di garante della Costituzione e dell’articolo 21 in particolare: “ribadiamo – ha detto – che non può esistere libertà senza libertà di pensiero e di stampa. Ma ci deve essere nel vivere quotidiano anche il rispetto del pensiero altrui”. Senza dimenticare “l’articolo 6 della Costituzione che tutela le minoranze linguistiche, deve servire da garanzia anche per il futuro”.

Il “momento più emozionale” della festa, racconta il gruppo,  è stato il ringraziamento di Martha Ebner, “che a 96 anni lavora ancora come capo-redattrice della rivista femminile Die Frau”. Ebner è nipote del canonico Michael Gamper, che negli anni più difficili di Athesia, da presidente, si era opposto a fascisti e nazisti, nonché vedova di Toni Ebner, successore di Gamper come direttore, sia di Athesia che del quotidiano “Dolomiten”.

Il Presidente Mattarella e Martha Ebner (foto Il Presidente Mattarella e l’amministratore delegato di Athesia Michl Ebner (foto Luca Ognibene/Athesia)

Il presidente della Repubblica, intervenendo fuori programma, ha sottolineato l’alto valore della libertà di stampa e di opinione, tutelati dalla Costituzione e dichiarando che il primo diritto di una persona è quello di potersi esprimere nella propria madrelingua. Poi il Capo dello Stato ha ribadito il valore di un’Europa unita: Athesia è presente nel nord della Germania eppure in Sicilia, le alte montagne dell’Alto Adige non sono una cosa che divide, ma sono come una cerniera che unisce le regioni.

Il Governatore del Tirolo, Günther Platter ha sottolineato la centralità del ruolo di Athesia per tutta la società dell’Alto Adige e delle regioni confinanti, mentre il governatore dell’Alto Adige, Arno Kompatscher, ha ricordato che i media locali hanno per le minoranze linguistiche della Provincia Autonoma di Bolzano un’importanza fondamentale, ricordando anche il ruolo dell’attuale direttore del “Dolomiten” Toni Ebner nel Midas, l’unione dei quotidiani delle minoranze linguistiche europee.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali