Disney: via libera dalla Cina all’acquisizione degli asset di Fox

Le autorità cinesi hanno approvato il programma di Walt Disney Co di acquisire i principali asset di 21st Century Fox per 71,3 miliardi di dollari. L’approvazione è stata garantita senza condizioni particolari e a questo punto, l’acquisizione potrebbe concludersi prima della data prevista, che ci si aspettava fosse nel secondo semestre 2019.

Nella foto, da sinistra il ceo di Walt Disney Bob Iger e Rupert Murdoch (Foto Ansa – EPA/THE WALT DISNEY COMPANY)

Il semaforo verde dalle autorità cinesi arriva dopo il via libera dall’antitrust dell’Ue, che aveva già approvato l’accordo all’inizio del mese con la cessione da parte di Disney di 6 canali (A+E Television Networks, History, H2, Crime & Investigation, Blaze e Lifetime). Come requisito per l’approvazione dell’accordo, invece, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha dichiarato che Disney dovrà cedere i canali sportivi regionali di Fox che, insieme all’acquisizione di Sky da parte della rivale Comcast, risulteranno in una riduzione dei costi complessivi dell’accordo di circa 20 miliardi di dollari.

L’accordo con Fox è una componente fondamentale del passaggio di Disney verso servizi in streaming destinati direttamente ai consumatori, che le daranno modo di attestarsi come rivale di Netflix a tutti gli effetti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8  mln 15 anni fa)

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8 mln 15 anni fa)