Antonio Converti lascia la guida di Italiaonline. “Motivazioni personali”, successore in arrivo

Italiaonline, prima digital company del Paese, annuncia che l’amministratore delegato Antonio Converti ha deciso di lasciare a gennaio la carica di amministratore delegato.

Antonio Converti

Una nota del gruppo precisa che  la risoluzione del rapporto  consensuale  è dovuta a “motivazioni personali” e che “la cessazione dalla carica di amministratore delegato e consigliere di amministrazione avrà efficacia e verrà pertanto formalizzata ai sensi di legge in una data non successiva al 7 gennaio 2019, mentre la carica di dirigente cesserà con efficacia a partire dal 31 gennaio 2019 al fine di assicurare un più agevole passaggio di consegne”.

Antonio Converti, prosegue la nota,  ha condotto la Società attraverso un complesso periodo di ristrutturazione per consentire alla stessa di competere attivamente in un mercato in continua evoluzione come quello dei servizi digitali alle imprese, consentendo al gruppo di crescere e di affermarsi come principale operatore italiano. Lascia l’Azienda con una solida posizione economica e con il settore digitale in forte crescita. Pertanto, il Consiglio di Amministrazione ringrazia il Dott. Converti per l’impegno profuso e per aver supportato la Società nel suo percorso di crescita. L’accordo per la cessazione dei rapporti con Antonio Converti è stato oggi approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società ad esito dell’istruttoria condotta dal Comitato Nomine e Remunerazione e del parere favorevole del Collegio Sindacale.
Ai sensi dell’accordo, la Società verserà ad Antonio Converti le spettanze finali dovute per legge e per
contratto connesse sia al ruolo di dirigente, svolto per 15 anni nell’ambito del gruppo, che di
amministratore delegato. Inoltre, a fronte di un impegno assunto da Antonio Converti di non svolgere
attività in concorrenza con Italiaonline per un periodo di ventiquattro mesi a partire dalla data del 31
gennaio 2019, la Società gli riconoscerà un corrispettivo lordo pari a Euro 877.652,00.
Nell’ambito di tale accordo il Dott. Converti ha rinunciato alle stock option a lui assegnate, ma non
ancora maturate e al piano di stock grant approvato nell’ultima Assemblea della Società e a lui
spettante ai sensi dei piani di remunerazione della Società.
Ad oggi, Antonio Converti detiene n. 280.153 stock-option, assegnate e maturate, che potranno
essere convertite in n. 378.206 azioni entro 90 giorni dal 31 gennaio 2019, data di efficacia della
cessazione del rapporto di lavoro.
La Società sta lavorando a un piano di successione, il cui esito sarà annunciato al mercato nei tempi
e con le modalità di legge.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali