Editoria, Casellati: no misure restrittive su contributi. Conseguenze su occupazione e pluralismo

“La necessaria razionalizzazione della spesa pubblica non può prevedere misure restrittive dei contributi all’editoria che finirebbero per pregiudicare l’ esercizio della professione giornalistica”. Ad affermarlo la p residente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, in un messaggio indirizzato all’Unione Periodici Italiani.

“Gravi sarebbero le conseguenze non solo sull’occupazione e in particolare nel segmento delle testate dell’informazione locale e di nicchia”, ha rilevato Casellati, “ma soprattutto su quel pluralismo della stampa e dell’editoria che è principio cardine della nostra democrazia”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Di Maio: L’editoria è sana e vitale, mantenuto il primato malgrado il Covid. La Farnesina sostiene il libro italiano nel mondo

Di Maio: L’editoria è sana e vitale, mantenuto il primato malgrado il Covid. La Farnesina sostiene il libro italiano nel mondo

IAB Italia: Soddisfatti per le linee guida Agcom sui sistemi di rilevazione degli indici di ascolto nel nuovo ecosistema digitale

IAB Italia: Soddisfatti per le linee guida Agcom sui sistemi di rilevazione degli indici di ascolto nel nuovo ecosistema digitale

Il codice sorgente di Internet sarà messo all’asta come ‘non fungible token’

Il codice sorgente di Internet sarà messo all’asta come ‘non fungible token’