Dolce e Gabbana, video-scuse ai cinesi: “non succederà mai più, duibuqi”

Gli stilisti Dolce & Gabbana si sono scusati pubblicamente in un video, diffuso dai media cinesi, promettendo che quanto avvenuto in questi giorni non si ripetera’ in futuro, dopo le polemiche in Cina per l’ultima campagna pubblicitaria destinata al mercato cinese e per gli insulti comparsi su una chat di Stefano Gabbana, che la casa di moda lamenta hackerata.

“In questi giorni abbiamo ripensato moltissimo, con grande dispiacere, a tutto quello che ci e’ successo e a quello che abbiamo causato nel vostro Paese e ci scusiamo moltissimo. Le nostre famiglie ci hanno sempre insegnato a rispettare le varie culture di tutto il mondo e per questo vogliamo chiedervi scusa se abbiamo commesso degli errori nell’interpretare la vostra”, dice lo stilista Domenica Dolce, nel video, a fianco del co-fondatore della casa di moda, Stefano Gabbana. “Vogliamo anche chiedere scusa a tutti i cinesi nel mondo, perche’ ce ne sono molti, e prendiamo molto seriamente questa scusa e questo messaggio”, ha proseguito Gabbana. “Siamo sempre stati molto innamorati della Cina: abbiamo visitato moltissime citta’, amiamo la vostra cultura e certamente abbiamo ancora molto da imparare. Per questo ci scusiamo se abbiamo sbagliato nel nostro modo di esprimerci”, ha ripreso la parola Dolce. “Faremo tesoro di questa esperienza e sicuramente non succedera’ mai piu’. Anzi, proveremo a fare di meglio, e rispetteremo la cultura cinese in tutto e per tutto. Dal profondo del nostro cuore vi chiediamo scusa”, ha aggiunto Gabbana, concludendo il messaggio all’unisono con Dolce con la parola cinese usata per chiedere scusa: “duibuqi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Morto il Garante Privacy Ue Giovanni Buttarelli

Morto il Garante Privacy Ue Giovanni Buttarelli

Dall’algoritmo alla policy sulle pubblicità. Ecco perchè i conservatori Usa non si fidano più di Facebook

Dall’algoritmo alla policy sulle pubblicità. Ecco perchè i conservatori Usa non si fidano più di Facebook

Libra, indagine da antitrust Ue su criptovaluta. Preoccupazioni per concorrenza, governance e dati utenti

Libra, indagine da antitrust Ue su criptovaluta. Preoccupazioni per concorrenza, governance e dati utenti