Via libera alla 18app. Il presidente Aie, Levi: un aiuto per i ragazzi e il mondo del libro

Il ministro per i Beni e le attivita’ culturali, Alberto Bonisoli, ha firmato il decreto attuativo che integra ed estende il bonus cultura a chi ha compiuto o compira’ 18 anni nel 2018. Il provvedimento sara’ operativo, e i ragazzi potranno registrarsi alla piattaforma 18app.it, non appena sara’ pubblicato in Gazzetta ufficiale. 

Ricardo Franco Levi

Ottenuto il parere favorevole del Consiglio di Stato e il via libera del Garante per la protezione dei dati personali, il provvedimento, spiega il ministero in una nota, ha apportato le necessarie modifiche al decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 15 settembre 2016, n.187. Il giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale i giovani in possesso di SPID, Sistema Pubblico di Identita’ Digitale, potranno registrarsi alla piattaforma operativa 18 app., entro il 30 giugno 2019, e spendere il bonus ottenuto entro il 31 dicembre 2019.

“Siamo molto soddisfatti per la firma del decreto della 18app da parte dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli”. È stato il commento del presidente dell’Associazione Italiana Editori (Aie) Ricardo Franco Levi a proposito della conferma definitiva del bonus cultura che viene esteso a chi ha compiuto o compirà 18 anni nel 2018.

“Parliamo a nome di tutti gli editori” ha proseguito Levi “ma siamo sicuri che insieme a noi condividono soddisfazione e plauso l’intero mondo del libro e, soprattutto, i giovani 18enni che avranno così a disposizione un fondo per acquistare libri. Il bonus cultura si è rivelato lo strumento che più ha aiutato la lettura negli ultimi anni. È un grande aiuto ai ragazzi, alle loro famiglie e a tutto il mondo del libro, anche in vista del Natale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs: utile netto 2018 in crescita a 85,2 milioni; dal digitale il 16,7% dei ricavi. Dopo 10 anni torna al dividendo

Da Piero Angela a Bernard-Henri Lévy. Tutti i sostenitori della battaglia per la vita di Radio Radicale

Mediaset, Ps Berlusconi: dobbiamo cambiare passo, espandersi all’estero per crescere ancora