Rai: Cda valuta De Santis direttore Rai1, Freccero Rai2, Bulbarelli Rai Sport e Preziosi Rai Parlamento. Forse anche un vice presidente

Teresa de Santis per la direzione di Rai1, Carlo Freccero per Rai2, Auro Bulbarelli per Rai Sport e Antonio
Preziosi per Rai Parlamento. Sono queste le nomine che l’ad Rai Fabrizio Salini è intenzionato a proporre al Cda Rai nelle riunione che si terrà il 27 novembre alle 16 a viale Mazzini. A circa 24 ore dalla seduta del Cda, come previsto dai regolamenti, sono arrivati  sui tavoli del consiglieri d’amministraizone i curricula dei candidati. Tra i curricula non c’è invece quello di un candidato alla direzione di Rai3: segno che, come da indiscrezioni della vigilia, Salini abbia intenzione di confermare Stefano Coletta.

La sede Rai di Viale Mazzini (Foto Ansa -ALESSANDRO DI MEO)

Dopo lunghe riflessioni e trattative si è dunque trovato l’accordo sull’arrivo a Rai1 di Teresa De Santis, la cui nomina sarebbe gradita alla Lega ma avrebbe anche l’ok di Salini in quanto professionalità interna di lungo corso. Il ritorno a Rai2, dopo più di 16 anni, di  Carlo Freccero (che diresse la seconda rete già dal 1996 al 2002), professionista televisivo universalmente riconosciuto, fortemente stimato e voluto da Salini è gradito ai Cinque Stelle e non troverebbe ostacoli da altri fronti. Freccero sarebbe anche il primo direttore ad assumere l’incarico a titolo sostanzialmente gratuito. L’ex direttore  e consigliere Rai, infatti, non potrebbe per legge percepire lo stipendio di direttore in quanto pensionato. Ma avrebbe dato il suo
assenso ad una prestazione ‘senza stipendio’. Si vocifera che a lui, l’ad Rai vorrebbe affidare anche una nuova struttura che si occuperà di ideazione di format originali.

Tra i punti all’odg della seduta del Cda Rai convocata per martedì 27 novembre alle 16 c’è anche l’inedita voce “nomina del vicepresidente“. L’esigenza di un vicepresidente, finora mai esistito in Rai, si è
posta perché sulla presidenza di Marcello Foa pende il ricorso al Tar  presentato dalla consigliera d’amministrazione Rita Borioni. E, se il tribunale amministrativo dovesse decidere per una sospensiva della carica di Foa, dovrebbe subentrargli da Statuto Rai il consigliere anziano che però (anagraficamente dopo Foa) è la stessa Borioni, consigliere eletta in quota opposizione di centrosinistra. Sembra
dunque che motivi di opportunità ma anche di volontà politica abbiano indotto l’attuale vertice a prevedere la nomina di un vicepresidente  che subentrerebbe a Foa al posto della Borioni. A quanto apprende  l’AdnKronos il candidato in pole position per la vicepresidenza sarebbe il consigliere Giampaolo Rossi.

Sulla questione ha preso posizione Michele Anzaldi, deputato Pd e segretario della Vigilanza. “Quello di Lega e M5S è un progetto illegittimo”, ha rilevato dal suo profilo Facebook, sottolineando in particolare come Rossi abbia più volte attaccato dal suo blog il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. “La nomina di Rossi sarebbe dunque non solo una forzatura giuridica ma anche un intollerabile affronto nei confronti del Quirinale”, ha rimarcato in conclusione.

Anche il segretario Usigrai, Vittorio di Trapani, via social ha puntato il dito sulle posizioni prese da Rossi, non solo su Mattarella.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright Ue, appello Fieg-Aie: sì alla direttiva, cultura e informazione libere solo se economicamente indipendenti

Copyright Ue, appello Fieg-Aie: sì alla direttiva, cultura e informazione libere solo se economicamente indipendenti

Inpgi: il sottosegretario Durigon convoca un tavolo con casse previdenziali, Mef e Crimi

Inpgi: il sottosegretario Durigon convoca un tavolo con casse previdenziali, Mef e Crimi

Stati Generali dell’Editoria, accrediti entro le ore 16. Diretta streaming sul sito del Governo

Stati Generali dell’Editoria, accrediti entro le ore 16. Diretta streaming sul sito del Governo